Educare il Cane - Il linguaggio del cane I segnali calmanti - Pet Shop Store

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Educare il Cane - Il linguaggio del cane I segnali calmanti

Educare il Cane - Il linguaggio del cane (1a parte)

 

Pensate per un attimo di trovarvi in un paese straniero dove nessuno parla la vostra lingua e voi fate qualcosa di sbagliato senza rendervene conto: qualcuno vi urla contro, voi gesticolate per cercare di farvi capire, il qualcuno in questione continua a sbraitare arrabbiatissimo e voi non sapete proprio cosa fare per calmarlo :o(

Educare il Cane - Il linguaggio del cane  (1a parte)

Bene, questo è quello che prova un cane quando si trova davanti qualcuno che non conosce il suo linguaggio e che si arrabbia per qualcosa che il cane ha fatto, spesso involontariamente.

Imparare il suo modo di comunicare è di fondamentale importanza per capire le sue esigenze, per stabilire un rapporto migliore con lui, per prevenire situazioni spiacevoli e per educarlo senza utilizzare metodi coercitivi. Può essere di aiuto anche in quelle situazioni in cui ci si trova davanti un cane che non si conosce.

Il cane, così come il lupo, si serve dei 'segnali calmanti' per comunicare le sue intenzioni.

Cosa sono i segnali calmanti?

I segnali calmanti sono una serie di comportamenti che i cani (e i lupi) utilizzano per calmare se stessi in situazioni di disagio o di stress, oppure per indicare le buone intenzioni con altri cani.

Verso la fine degli anni '80 la famosa etologa norvegese Turid Rugaas ha studiato, descritto e sistematizzato i segnali calmanti nel cane. Ha scritto un bellissimo libro su questo argomento, 'L'intesa con il cane: I Segnali Calmanti', in cui descrive uno ad uno, i segnali da lei studiati. Vi consiglio vivamente di leggerlo, perché come dice il titolo stesso vi aiuterà a stabilire una migliore intesa con il vostro amico. Io stessa, dopo averlo letto, ho imparato a comunicare meglio con la mia cagnetta.

I segnali calmanti, il cane obbediente

Vediamone alcuni insieme ...

1) Girare la testa o guardare altrove
Può essere un movimento veloce della testa da un lato, oppure il cane può restare girato per un po'. Si osserva spesso quando si incontrano due cani, e serve a dire all'altro di calmarsi. Può darsi che il cane che gira la testa si senta a disagio perché un cane (o una persona) si è avvicinato a lui troppo in fretta, e quindi in questo modo cerca di calmare la situazione.

Anche voi potete girare la testa se mentre vi avvicinate ad un cane vedete che si agita, si spaventa  e magari vi abbaia o ringhia. Girando la testa gli comunicate di calmarsi.

A volte il cane gira la testa quando gli si fanno effusioni eccessive, può sentirsi infastidito da tale comportamento e per comunicarlo gira la testa.

Guardare altrove è un segnale molto simile al precedente, e si può osservare quando due cani si incontrano o quando una persona fissa un cane negli occhi (o lo approccia direttamente di fronte).

Distogliendo lo sguardo il cane ci dice che si sente a disagio o comunica al cane che ha di fronte che ha intenzioni amichevoli nei suoi confronti.

Non è raro osservare questi comportamenti da parte di soggetti anziani nei confronti di esemplari più giovani e irruenti allo scopo, appunto, di farli calmare.

 

2) Voltarsi di lato o di spalle
E' un segnale calmante molto forte.

Un cane potrebbe voltarsi  se un altro cane gli ringhia o gli corre incontro troppo velocemente, oppure se una persona è arrabbiata con lui e gli parla in tono minaccioso. Anche quando si strattona il guinzaglio potrebbe voltarsi e magari tirare ancora di più. Quando utilizza questo segnale il cane cerca di calmare una situazione che  ritiene troppo agitata o incontrollabile e quindi si volta di spalle come se volesse allontanarsi.

Se ad esempio un cane vi salta addosso per farvi le feste, giratevi di spalle e si fermerà.

Oppure se avete di fronte un cane che vi sembra nervoso o aggressivo, giratevi di lato o di spalle, così capirà che non avete intenzioni minacciose e magari poi si avvicinerà lui spontaneamente in modo amichevole.

Si può osservare questo comportamento anche quando si incontrano due cani che non si conoscono e uno dei due è particolarmente eccitato: quasi sempre il soggetto più calmo inizierà prima  a voltare la testa, poi a girarsi di lato e infine, se l'altro non recepisce subito il messaggio, di spalle.

Come vedete, conoscere questi segnali può essere utile anche per gestire una situazione particolare come l'incontro con cani che non conosciamo. In ogni caso, saperli riconoscere permette di stabilire un rapporto veramente particolare con il vostro amico perché non solo riuscirete a capire cosa prova, ma riuscirete voi stessi ad esprimervi con lui con il suo stesso linguaggio ... e poi non potrete più farne a meno.

Vi sorprenderete a riconoscere i segnali calmanti durante le passeggiate e ad interpretare gli incontri con altri cani.

 

Prossimamente scopriremo insieme altri segnali calmanti, a presto!

Un saluto a tutti

Giusy