06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 / 14-17

Cane con incontinenza urinaria, cosa fare?

Cane con incontinenza urinaria, cosa fare?

 (1)    6

  Cane Veterinario

Buongiorno,

Le scrivo per avere un secondo parere, per quanto abbia fatto visitare la mia cagnolina 2gg fa’. dai miei veterinari. Ho una segugia di 13 anni e mezzo , sterilizzata.

Da qualche gg. no,  di tanto in tanto,  mentre dorme perde l’urina. Nell ultimo  mesetto ho notato che  beve molto meno frequentemente ma piu’ allungo. In allegato gli esami   fatti questa settimana ,  sia del sangue che delle urine.

(Le urine 2 volte,  a distanza di una sett. le seconde hanno evidenziato , a detta del mio vet. , una percentuale di proteine rilasciate , accettabili considerando l’eta’ del cane , escludendo visti i valori un insufficienza renale . (Ho perso quest’estate una cucciola di 2 anni e mezzo per insuff. renale, con relativo calvario  e per questo le sto’ scrivendo per capire se anche un secondo parere mi conferma di stare tranquilla!).

Mi spiego meglio in quanto abbiamo delle abitudini particolate perche’ io lavoro con i turni h24 e lei si adegua da sempre:

Se faccio la notte lei fa’ l ultima uscita alle 21.00  per poi uscire nuovamente alle 06.30.

In questo caso non ha mai bagnato la cuccia.

Ma capita in situazioni come la seguente:
Rientrata ieri  da giro alle 18.00  dal giro.
Si e’ messa acciambellata  sul divano insieme a me , fino elle 20.00 e verso le 19.00  ha bagnato .

Ed e’ capitato due sere di fila , con lo stesso orario e situazione .
Succede sempre e solo quanto pisola con me.
Se da sola in casa, con l ‘altra cagnolina non bagna nulla.

Questa situazione e’ variabile con l’orario in funzione dei miei turni.

Con i turni diurni e’ capitato di farla uscire alle 23.00 e prima della sveglia che suona alle 04.30,  ha bagnato il letto (dorme con me).

Di gg.no se la lascio dalle 06.00 di mattina alle 14.00 o dalle 13.00 alle 22.00 non bagna mai.
Ora i miei veterinari dopo la lettura degli esami hanno escluso diabete e insuff. renale.
Al massimo mi hanno proposto nel caso si riproponessero gli eventi di incontinenza di fare un eco per verificare che non abbia dei calcoli che le provochino quanto sopra.

Ma credo che se avesse dei calcoli non aspetterebbe me per urinare  , capiterebbe sempre.
Secondo uno dei miei vet. , potrebbe anche essere, esclusa la patologia fisica,  che quando sono presente io  in casa, si  rilassa talmente tanto che    va’ in una fase di sonno piu’ profondo  e urina senza preavviso.

Ho chiesto se visto quanto sopra volessero darmi comunque un integratore magari per aiutare la muscolatura della vulva, ma non mi hanno voluto dare nulla per aiutarla!
Bah non so’ che pensare. Intanto sto’ tenendo nota di quando e in che contesto accade.
Se poi anche fosse , che vista l’età è diventata solo un po’ incontinente non avrei problemi a gestirla, piu’ che altro voglio escludere tutte le altre variabili infinite.

Ringrazio anticipatamente.

Cordialmente.

Sandra

Risposta

Dalle analisi non vedo nulla di strano, degli esami delle urine ne vedo solo uno, nella prima immagine non vedo i valori. I reni sembrano in ordine così come la glicemia. L’unica cosa è il peso specifico dell’urina che risulta (nell’analisi che riesco a leggere) al limite basso della normalità. Non so se ha fatto una valutazione della proteinuria (PU/CU).

Le cause dell’incontinenza urinaria nelle cagne possono essere molteplici.Escluse le forme di anomalie congenite delle vie urinarie (che di solito si manifestano già in giovane età) le più probabili sono l’incontinenza post sterilizzazione (per carenza di ormoni e/o vescica pelvica) e le forme neurologiche.

Nell’ultimo caso si tratta di un problema secondario ad una patologia neurologica, che può riguardare i nervi della vescica, il midollo spinale o il cervello. Una visita neurologica può esclude o confermare una situazione del genere che andrà poi investigata correttamente (TAC , risonanza magnetica ecc..)

Ritengo più probabile però una incontinenza post sterilizzazione. Può dipendere da due cause , la carenza di estrogeni (che determina un rilassamento dello sfintere vescicale) oppure una vescica pelvica ( cioè una vescica che non più sostenuta dell’utero tende a scivolare indietro verso il bacino e che , trovandosi in una posizione anomale, non riesce più a trattenere correttamente l’urina)

La perdita si osserva soprattutto durante il riposo e quindi, come nel suo caso, è facile trovare la cuccia bagnata. Può dipendere anche da quanto la vescica si riempie e quindi le perdite possono esserci o meno a seconda del tempo che intercorre tra un’uscita e l’altra.

Per la diagnosi è utile l’esame ecografico e una radiografia meglio se con il mezzo di contrasto. Anche un esame endoscopico è molto utile e permette anche di escludere eventuali malformazioni.

La terapia dipende dalla causa e può essere sia chirurgica che farmacologica .Quest’ultima si basa sull’impiego di ormoni (estrogeni) o Fenilpropanolamina.

La terapia chirurgica in caso di incontinenza da carenza ormonale prevede una uretroplastica con agenti volumizzanti (cioè l’inserimento per via endoscopica sotto la mucosa dello sfintere di materiale che riducono il diametro dello stesso ) o l’impianto  di uno sfintere artificiale.

Nel caso di uretra pelvica si può riposizionare la vescica nella sua sede corretta e fissarla (esistono diverse metodiche : colposospensione, uretropessi o cistouretropessi).

Nel suo caso io verificherei le condizioni della vescica con una ecografia e una radiografia con mezzo di contrasto e, se la diagnosi si orienta sull’incontinenza post sterilizzazione proverei con la terapia medica (fenilpropanolamina in primis)

Cordiali saluti
Dott. Fabio Maria Aleandri

 (1)    6

  •  Commenti ( 6 )
Fabio
 Fabio
Buonasera. Purtroppo non so dirle molto, non so cosa intende per spasmi , ma comunque senza una visita e senza vedere le ecografie non ho il minimo appiglio per poterci aggiornare sopra. Cosa fa cerca di urinare e non riesce o cosa?Cordiali saluti. Dott. Fabio Maria Aleandri - Medico Veterinario
Silvio
 Silvio
Buonasera,il mio jack Russel di 8 anni, ha subito un intervento per L asportazione di calcoli Lla vescica circa 2 mesi fa(3 anni fa ha già fatto lo stesso intervento)abbiamo cambiato L alimentazione e ad oggi(2 mesi dall intervento )ha continui spasmi muscolari. Abbiamo fatto sonografie addome e radiografie senza arrivarne ad una(tutto sembra nella norma !)Premetto che il mio cane è un caso particolare in quanto ha allergie a vaccini e antibiotici(infatti abbiamo potuto solo fargli il Convenia (3!cicli)in quanto lo sopporta)L ultimo tentativo è stato il cortisone...senza grandi esiti positivi....gli spasmi restano..io sono disperata e lui non riesce ad avere tregua!grazie mille
Fabio
 Fabio
Gentile Sig.ra Angela. No non è normale , soprattutto il fatto che beva molto. Potrebbe dipendere dai reni. Le consiglio di contattare quanto prima il collega che l’ha operata per decidere cosa fare. Cordiali saluti. Dott. Fabio Maria Aleandri - Medico Veterinario
Angela
 Angela
Buonasera brenda sterilizzata il 14 gennaio 2021 per endometriosi cisti ovarica fase iniziale di piometria , due giorni dall’intervento mangia quasi nulla bere beve ma urina nella cuccia pavimento ma anche da distesa mentre dorme ,è normale? Grazie
Fabio
 Fabio
Buongiorno. Le cause di incontinenza nei cani possono essere diverse. Prima di tutto però dobbiamo definire cosa succede , in particolare se la perdita di urina è involontaria e quindi il cane non si accorge di farla (cioè la cagnolina mentre cammina o è ferma o spesso quando è sdraiata perde urine ma non si mette in posizione per urinare) oppure se è cosciente di urinare (cioè si mette in posizione per urinare). Nel secondo caso dovremmo parlare più di urinazione inappropriata. Riguardo l’incontinenza può manifestarsi fin dalla giovane età oppure comparire nel tempo. In caso di forme già presenti nei cuccioli la causa più comune è la presenza di qualche malformazione. In particolare gli ureteri ectopici. Questi condotti che portano l’urina dai reni alla vescica si aprono in quest’ultima a livello del collo vescicale. Può succedere che si inseriscano invece nell’uretra o nella vagina. In questi casi il cane gocciola continuamente urina in quanto questa non viene più (in toto o parzialmente) raccolta nella vescica. Tra le altre possibili malformazioni possiamo ricordare l’incompetenza dello sfintere vescicale congenita (cioè un cattivo funzionamento delle strutture deputate alla contenzione presente fin dalla nascita) la persistenza dell’uraco (anche se in questo caso l’urina esce dall’ombelico) e l’ipoplasia vescicale (una vescica piccola e poco dilatabile). Se invece il problema è comparso dopo qualche anno di vita tutto quello che abbiamo detto prima non lo possiamo escludere ma è più facile che sia legato ad altri fattori: incontinenza da incompetenza dello sfintere vescicale acquisita (generalmente dovuta alla sterilizzazione) incontinenza da urgenza (dipende dal fatto che la vescica è iperattiva e quando si riempie il muscolo detrusore si contrae in maniera involontaria) e incontinenza da overflow (quando la vescica si dilata in maniera esagerata e questo determina una disfunzione del muscolo detrusore). L’incontinenza da incompetenza dello sfintere acquisita si osserva nei cani sterilizzati soprattutto. Si manifesta in particolare nelle femmine in particolare ma, seppur con una incidenza molto minore, può interessare anche i maschi. Le cause non sono ancora completamente definite , è legata in generale alla sterilizzazione e può dipendere dalla carenza di estrogeni ma anche da un corretto posizionamento della vescica in addome (vescica pelvica) o da aderenze conseguenti alla sterilizzazione. Quella da urgenza è legata generalmente a patologie vescicale (infiammazioni, calcoli , tumori) in qualche caso a una instabilità da cause sconosciute del muscolo detrusore. Quella da overflow è sempre secondaria ad altre patologie (calcoli o tappi uretrali , tumori dell’uretra o della vescica , stenosi dell’uretra , infiammazioni uretrali , tumori che comprimono l’uretra )che determinano un blocco del passaggio uretrale , una dilatazione importante della vescica con conseguente danno temporaneo o permanente del muscolo detrusore). Accanto a forme legate a problemi delle vie urinarie (congeniti o acquisiti) esistono poi delle forme di incontinenza su base neurologica. In questi casi il problema è l’innervazione vescicale che viene parzialmente o in toto bloccata. La vescica non si contrae più , si riempie tantissimo e l’urina fuoriesce spontaneamente quando la vescica viene compressa (per es quando stanno sdraiati) complice il fatto che anche lo sfintere è completamente aperto. Non sempre è facile capire quali sia l’origine. Come approccio diagnostico si può procedere agli esami delle urine , all’esame ecografico della vescica , a radiografie addominali dirette , a radiografie delle vie urinarie con mezzo di contrasto , alla TAC e all’esame endoscopico delle vie urinarie. Quindi per concludere è necessario capire bene l’origine del problema e intervenire di conseguenza. Alcuni problemi sono risolvibili chirurgicamente (per es gli ureteri ectopici) in altri casi è possibile ricorrere ad una terapia medica (per es fenilpropanolamina, estrogeni ecc..) Senza una corretta diagnosi è difficile fare qualcosa di incisivo. Il fatto che con il cortisone migliori può farci pensare ad una componente infiammatoria (primaria o secondaria) ma non ci da molte indicazioni in più. Cordiali saluti. Dott. Fabio Maria Aleandri - Medico Veterinario
Jennifer
 Jennifer
Salve io ho una pincherina di 3 anni che non e sterilizzata e soffre di incontinenza urinaria..abbiamo fatto tutte le analisi e non ce nulla ..pare secondo il veterinario che sia un fattore di nervi dato che con il cortisone un po le passa...io sto impazzendo perde pipi ovunque e vorrei evitare di metterle il pannolino..vorrei un parere se possibile di come poter fare. Grazie
Pagina:1
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha