SCONTO BENVENUTO 5% codice 6JSH9SV8

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 / 14-17

Consiglio alimentazione per cane con trigliceridi elevatissimi

Consiglio alimentazione per cane con trigliceridi elevatissimi

 (6)    15

  Cane Alimentazione

La Nutrizionista Animale risponde, invia la tua domanda! Consulenza gratuita

Buon pomeriggio Dottoressa Valentina,
vorrei avere, se possibile, un suo parere…

Ho appena ritirato le analisi del sangue della mia canetta TOKA di 12 anni.
Ha i trigliceridi ELEVATISSIMI…. Anticipo che il cane non è obeso…. È taglia piccola/media e pesa 10kg.

Il veterinario, oltre a una cura di medicine a vita, mi ha detto di usare la ROYAL CANIN OBESITY…. O altre marche con basso contenuto di grassi per cani anziani.
Io sinceramente della Royal non sono per niente contenta e ho fatto qualche ricerca su internet…

Ho visto questi prodotti:

Prolife Obesity dry Veterinary formula e Farmina Vet Life Obesity

e sarei interessata ad uno di questi due alimenti…. Considerando pero’ che oltre alle crocchette vorrei anche poter dare alla mia canetta dell’umido, per non spezzare la nostra routine… mattina crocchette e sera umido.

Lei che cosa mi consiglierebbe?
Grazie infinite

Cordiali saluti


Risposta della Nutrizionista dott.ssa Valentina Maggio

Buongiorno,
Per un problema di questo tipo il cane ha bisogno di crocchette light con un basso tenore di grassi e carboidrati ed un buon apporto di omega 3 ed EPA e DHA.

Ho selezionato alcune crocchette che più si avvicinano a queste caratteristiche:
Oasy Adult Light in fat
Fish4Dogs Superior weight Control
Acana Heritage Senior
Lily's Kitchen Senior

cordiali saluti

Dott.ssa Valentina Maggio
Nutrizionista Cane e Gatto

 (6)    15

  •  Commenti ( 15 )
Fabio
 Fabio
Gentile Sig.ra Patrizia. Bisogna capire perchè sono alti. In particolare la prima cosa da valutare è se il problema è secondario a qualche patologia ormonale (per es, ipercorticosurrenalismo, ipotiroidismo o diabete) . Escluse queste patologie bisogna approfondire altre possibili cause , quelle riportate in letteratura sono : pancreatite, obesità, nefropatia proteino-disperdente, colestasi, diete ad elevato contenuto di grassi, linfoma, Leishmaniosi, insufficienza cardiaca, uso di farmaci (cortisone, estrogeni, antiepilettici. Alcune di queste forme sono facilmente escludibili dalle analisi o da una ecografia addominale, per altre vanno fatte ricerche più mirate. Se non c'è nulla possiamo parlare di una iperlipemia primaria . In questi casi si possono utilizzare diete a basso contenuto di grassi , integratori di omega 3-6 a dosaggi adeguati, statine. Soprattutto vanno escluse le patologie ormonali che sono le più frequenti come causa del problema. Cordiali saluti
Patrizia
 Patrizia
Salve. La mia cagnolina e’ una meticia di 9 anni taglia media pesa 12,500 da un po’ di tempo ha i triclicedi molto alti ( ultime analisi 1273 le precedenti 347) sta facendo attualmente un’alimentazione con FORZA10 Hypoallergenic Pesce medium diet/ richin - fish secco e Exclusion Hypoallergenic coniglio inizialmente ha funzionato ora si sono alzati dimuovo. Cosa mi consiglia? Grazie in anticipo
Fabio
 Fabio
Gentile Sig.ra Angela. La presenza di un siero lattiginoso dipende da una forma di iperlipemia , un aumento dei trigliceridi e/o del colesterolo. Le cause possono essere molteplici , malattie ormonali (diabete, ipotiroidismo, ipercorticosurrenalismo) , pancreatite, obesità, nefropatie, diete troppo ricche di grasso, linfoma, leishmaniosi, insufficienza cardiaca e , a volte, forme primarie , cioè non dipendenti da una causa specifica ma da un problema del metabolismo dei grassi. Nel suo caso se il cane è diabetico e il diabete non è controllato (non prende insulina) è normale che abbia iperlipemia. Generalmente l'iperlipemia non esclude la possibilità di fare analisi , anche se alcuni parametri possono non essere completamente attendibili, dipende però dai macchinari utilizzati. Si può cercare un laboratorio in grado di farlo Senza essere sicuri della causa la terapia non è possibile (va rimossa la causa primaria). Nelle forme invece di iperlipemia primaria si può ricorrere all'impiego di terapie a basi di acidi grassi omega 3 , statine, niacina. Ma per diagnosticare una forma primaria vanno escluse tutte le altre possibili cause. Cordiali saluti
Angela
 Angela
Buongiorno, il mio Yorkshire di quasi 12 anni un mese fa gli è venuta una leggera ischemia, fatto eco addome è ok. È diabetica cambiato l alimentazione con crocchette e un cucchiaio di umido della ill's no fat . Purtroppo è già due volte che facciamo gli esami del sangue ma non c e esito perché si forma un siero lattiginoso. Come mi devo comportare? Grazie mille Viscardi Angela
Fabio
 Fabio
Gentile Sig. Daniele. Prima di tutto le volevo chiedere se sono state escluse le cause più comuni di iperlipemia secondaria, in particolar modo le malattie ormonali (diabete , ipotiroidismo, ipercorticosurrenalismo). Se infatti il problema è secondario a queste patologie la cura è risolvere le stesse. In caso di iperlipemia primaria la cosa più importante è intervenire sulla dieta. La cosa più efficace è utilizzare diete a basso contenuto lipidico (tra il 7 e il 12% sulla sostanza secca). Ci sono diverse diete apposite, chieda al collega che lo sta seguendo delle indicazioni (considerando che , da quello che ho capito, ha delle intolleranze alimentari). Come terapia si possono utilizzare integratori a base di omega 3 ,in particolar modo EPA (acido eicosapentaenoico) e DHA (acido docosaesaenoico), con dosaggi anche abbastanza elevati (200-220 mg/Kg). Anche una integrazione di niacina può essere di aiuto (25-100 mg/kg) ma bisogna stare attenti agli effetti collaterali (vomito-pruriti) Anche una integrazione di fibra può essere utile, tenendo conto però che generalmente gli alimenti a basso contenuto di grassi hanno anche un tenore di fibra più elevato. Cordiali saluti. Dott. Fabio Maria Aleandri - Medico Veterinario
Daniele
 Daniele
Dott.ssa Buongiorno, da una recente analisi risulta che il mio meticcio di 10 anni, ha un valore in lipidemia molto elevato. E' doveroso fare una precisazione, il cane negli anni passati ha sofferto di difficoltà nell'emulsionare i grassi a livello della cistifellea con parametri relativi sempre un pò fuori norma. L'anno scorso in accordo con il veterinario abbiamo fatto una cura a favore della cistifellea con acido ursodesossicolico da 300mg, Epatina 2 volte al dì (integratore a base di glutatione, cardo mariano, EPA e DHA), Nefropiù (integratore a base di betulla e.s., e altri fitocomplessi per il benessere delle vie urinarie) e come alimentazione: Exclusion Intestinal riso e maiale (in quanto il cane non ha un buon rapporto con le proteine del pollo che gli portano ogni tanto delle piodermiti). Un ultimo appunto è che per incentivarlo a mangiare le crocchette, di cui non va ghiottissimo, mettiamo 1-2 cucchiai di umido sempre della stessa linea (exclusion intestinal maiale e riso) che gli fanno mangiare tutto. A seguito di questa disamina, che tipo di croccantini e/o umido mi consiglierebbe, o quale altro consiglio alimentare (ad esempio integrazione con qualche altra cosa tipo Omega 3 puri) potrebbe darmi?
Nutrizionista Pet Shop Store
 Nutrizionista Pet Shop Store
Buongiorno Cristina, cani con trigliceridi e colesterolo alti dovrebbero assumere alimenti di alta qualità, con pochi o addirittura nessun carboidrato, proteine di alto valore biologico (preferibilmente pesce che contiene omega 3), pochi grassi e molta fibra. Un alimento light può soddisfare tutte queste esigenze. Quindi se con questa marca si trova bene può proseguire con questa, altrimenti può optare per altre Marche sempre referenza light come ad esempio Fish 4 dogs o Farmina N&D Light. Dott.ssa Valentina Maggio Nutrizionista Cane e Gatto
Cristina
 Cristina
Buonasera Dottoressa, la mia cagnetta, un incrocio di Pitbull di quasi 5 anni pesa 28/30 kg , sterilizzata,dopo aver fatto delle analisi a causa di una macchia bianca nell'occhio, abbiamo trovato trigliceridi e colesterolo alto. Potrebbe consigliarmi dei croccantini , attualmente le do' forza 10 light al pesce, vanno bene? Grazie infinite
Alessandra
 Alessandra
Grazie per la risposta Dottoressa. Le volevo chiedere cosa potrei dare al mio Bracco di 13 anni in alternativa alle patate. Purtroppo ho provato a dare il riso integrale bio ma non va bene, la pasta, ma anche questa non è andata bene e, addirittura anche la quinoa bio, e anche questa non è andata bene. Volevo aggiungere che Wolfgang ha avuto piccole ischemie quasi 3 anni fa che gli davano rari tremori alla testa per frazioni di secondo ma che da agosto si sono aggravati e ha avuto crisi convulsive che ora tratta con soliohen e leveritacetam. Sta facendo anche la chemio a causa di un piccolo melanoma tolta un anno e mezzo fa che ha dato metastasi sotto il collo dalla stessa parte dove era il melanoma. Fa controlli continui, ecografia torace e addome, analisi e visite continue ed è pulitissimo. Da qualche giorno sto dando pollo e coscia di tacchino senza grasso e pelle e nonpiu manzo. Wolfgang ama tantissimo il pollo arrosto e la coscia di tacchino arrosto, ed infatti questa sera oltre orate e sardine ho preso anche cosce di pollo senza antibiotici e no OGM e cosce di tacchino. Come potrei cucinarle visto che Lei mi ha consigliato non arrosto. E volevo chiederLe un alternativa alle patate, che non sia riso o pasta xche non sono andati bene. La ringrazio veramente di cuore Dottoressa. Grazie ancora stupenda serata, Alessandra capoterra
Nutrizionista Pet Shop Store
 Nutrizionista Pet Shop Store
Buongiorno Alessandra, i trigliceridi alti sono un problema che si sta diffondendo sempre di più nel cane. Proprio per questo motivo io consiglio una dieta con alimenti leggeri e facilmente digeribili, con molta fibra, proteine di elevata qualità e con cotture semplici (eviterei le cotture arrosto), pochissimi grassi e carboidrati. Le patate, contengono molto amido e sono considerati carboidrati complessi e difficili da digerire. Va benissimo integrazione con EPA e DHA e darei più volte il pesce rispetto alla carne. È consigliabile, nei limiti del possibile, di far fare un adeguato movimento al cane per evitare accumulo di trigliceridi nell'organismo, perché la dieta aiuta sicuramente ma il cane per smaltirli ha bisogno di muoversi. cordiali saluti Dott.ssa Valentina Maggio Nutrizionista Cane e Gatto
Pagina:12
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha