Gatto affetto da herpesvirus, possibile contagio come fare?

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Gatto affetto da herpesvirus, possibile contagio come fare?

Gatto affetto da herpesvirus, possibile contagio come fare?

 (0)    0

  Gatto Veterinario

Buongiorno, sono una volontaria animalista di Brescia, le scrivo a proposito di una micina di 5 mesi. All'inizio era affetta da raffreddore e aveva diversi altri problemi, ma pian piano è stata curata da tutti, però ha un occhietto velato, e i veterinari che abbiamo consultato ci hanno avvisati che potrebbe essere dovuto all'herpesvirus che può aver sviluppato in giovane età per poi guarire, tuttavia, abbiamo ricevuto consigli diversi su come farla adottare, un veterinario mi ha detto che deve essere adottata solo da chi non ha altri animali perchè potrebbe essere portatrice sana di herpesvirus e quindi potrebbe contagiarli, l'altro mi ha detto che somministrando delle pastiglie potrà vivere a contatto con altri gatti senza preoccuparsi di un effettivo contagio.

Io sinceramente non so come comportarmi anche perchè se queste pastiglie dovessero evitare il contagio, non dovrebbero essere somministrate ai gatti sani?

Aspetto una sua risposta

***

Risposta

Gentile Sig.ra ***

Molti gatti sono portatori dell’infezione sostenuta da Herpes virus felino. Alcuni di essi non sono mai stati, almeno apparentemente, malati, altri hanno avuto una o più fasi acute della malattia. Esiste un vaccino per questa patologia ed è contenuto nel vaccino c.d. trivalente (herpesvirus, calici virus, panleucopenia).

Se metterà il gatto in un nuovo gruppo la cosa importante è che gli altri gatti siano correttamente vaccinati (quindi vaccini fatti da piccoli e richiamati ogni anno). Per quanto riguarda le “pastiglie” non so di cosa si parli. Potrebbe trattarsi o di un antivirale il famciclovir o della Lisina. Probabilmente parliamo di quest’ultima visto che le hanno consigliato un utilizzo nel tempo.

La lisina è un aminoacido che ad opportuni dosaggi presenta un’azione antierpetica. Si somministra la soggetto infetto per evitare le recidive e ridurre il rischio di diffusione della malattia. Generalmente si fa per tempi lunghi, mesi a volte anni se il soggetto recidiva facilmente.

Comunque la protezione migliore per gli altri mici è la vaccinazione (tenendo conto poi che moltissimi per non dire la maggior parte sono già infetti in maniera latente)

Cordiali saluti

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha