I problemi gastro intestinali del cane e la cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

I problemi gastro intestinali del cane e la cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

I problemi gastro intestinali del cane e la cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

 (0)    0

  Cane AlimentazioneCane Veterinario  

La gastrite nel cane

I problemi gastro intestinali del cane e la cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

Cos’è la gastrite?

La gastrite del cane è una patologia che origina ed interessa lo stomaco dell’animale; si tratta -come si deduce dal nome- di una infiammazione di tale specifico organo del tratto gastro-intestinale. L’infiammazione dello stomaco può riguardare l’organo in sé oppure, in casi leggermente meno frequenti, la membrana che riveste lo stomaco stesso.

Sfortunatamente si tratta di un disturbo digestivo abbastanza comune nei cani, soprattutto in quelli domestici. Come tutte le patologie infiammatorie conosciute, anche la gastrite nel cane può presentarsi sotto forma di patologia cronica oppure sotto forma di patologia acuta: la differenza sta nel fatto che la cronicizzazione, solitamente, è più grave e difficilmente recuperabile poiché può portare ad una seria perdita di funzione delle cellule della mucosa gastrica dello stomaco.

Analogamente all’uomo, anche nel cane la funzione dello stomaco è quella di regolare correttamente il cibo ingerito nella sua quantità e velocità di transito, anche e soprattutto attraverso la secrezione di liquidi ed una apertura, detta piloro. Lo stomaco può secernere acido gastrico (acido cloridrico, principalmente) ma anche degli altri succhi, sempre acidi, che favoriscono la degradazione di nutrienti proteici oppure dei grassi.

Lo stomaco del cane ha una anatomia peculiare, che lo divide in quattro principali strutture: il corpo, l’antro, il cardias, il fondo; la regione di ingresso dall’esofago tubolare allo stomaco è il cardias, e possiede una circonferenza più abbondante rispetto alla regione di uscita (piloro). Le zone di accumulo nello stomaco canino sono il fondo ed il corpo: essi hanno la peculiare capacità di espandersi in seguito all’accumulo di cibo ingerito, e successivamente possono contrarsi per favorire il movimento del cibo ingerito dall’animale. La regione, però, che possiede una parete muscolare più spessa e funzionale è l’antro: si tratta dell’ultima porzione anatomica dello stomaco, precedente –e collegata- al piloro; sminuzza il cibo ingerito in modo meccanico, rendendolo a piccoli pezzi, per favorire l’assorbimento e la digestione all’interno dell’intestino tenue.

Cause e sintomi della gastrite nel cane

Cause e sintomi della gastrite nel cane

Ogni patologia può essere distinta dalle altre tramite il riconoscimento della sintomatologia del cane; allo stesso modo, le malattie infiammatorie hanno differenti e molteplici cause scatenanti, talvolta preponderanti, talvolta concatenate. Vediamo dunque quali sono le principali cause della gastrite canina e come è possibile eseguire una diagnosi precoce, analizzando i sintomi dell’animale.

Cause della gastrite nel cane

L’infiammazione gastrica è una malattia ad insorgenza acuta (improvvisa e rapida) oppure cronica (progressiva e lenta).

Gastrite acuta

Quando si parla di gastrite acuta, si fa riferimento a quella infiammazione che insorge velocemente, causando al cane dolori all’addome e vomito durevole; le cause più comuni di gastrite acuta sono relative all’avvelenamento da farmaco oppure da tossine naturali (es.: il cioccolato, che è molto tossico per il cane). Altre cause della gastrite acuta sono la scorretta alimentazione o la sovralimentazione, ma anche l’infezione da parte di batteri eo virus dei cani. Non solo, infatti la gastrite può insorgere anche come concausa di una malattia grave preesistente: tra le malattie comunemente connesse alla gastrite abbiamo il morbo di Addison, l’insufficienza renale, l’insufficienza epatica, l’ipo-adrenocorticismo. Le cause non sono, però, limitate a queste casistiche: talvolta si possono avere casi di infiammazione gastrica acuta in seguito ad ingestione di sporcizia (plastica, sacchetti, ossa fini, giochi o frammenti di giocattoli) oppure di alimenti in decomposizione, avariati; anche additivi chimici, piantine tossiche, sostanze chimiche (detergenti, fertilizzanti, antigelo, saponi per automobili), possono causare un danno acuto ed infiammatorio allo stomaco del cane.

Talora, una causa indesiderata di gastrite acuta può essere l’utilizzo di determinate classi di farmaci, primi fra tutti i farmaci antinfiammatori non steroidei, i cosiddetti FANS; altri farmaci scatenanti la patologia possono essere aspirina, antibiotici, corticosteroidi e via discorrendo.

Gastrite cronica

La gastrite cronica è un disturbo ugualmente invalidante per il cane: solitamente la gastrite cronica è una infiammazione che ha luogo da lungo periodo e che riguarda la membrana mucosa che riveste lo stomaco. In casi meno comuni, la gastrite cronica può anche concernere la flora batterica del tratto gastro-intestinale (deficit, assenza, disequilibrio). La condizione cronica può essere provocata da altrettante condizioni, alcune in comune con la forma acuta dell’infiammazione, tra le quali: ingestione di materiali indigeribili (gomme, plastiche, lacci, elastici, sacchetti dello sporco, e così via dicendo) e di sostanze tossiche. I composti non digeribili da parte del cane possono rimanere per tempi prolungati nello stomaco dell’animale; tali composti in seguito possono dare origine ad infiammazioni gravi, principalmente dovute ad una mancata digestione e ad una risposta -lenta e progressiva- del sistema immunitario del cane.

L’infiammazione è a carico del rivestimento mucoso dello stomaco, e ciò origina un disagio sempre più drastico nell’animale, che soffre per la condizione anomala dell’organo. Alla base dell’infiammazione cronica, però, esistono anche circostanze biologiche che sono sicuramente meno prevedibili: infatti, anche delle infezioni batteriche eo virali possono causare tale patologia. È risaputo che il Parvovirus, per esempio, è tra i principali patogeni scatenanti la gastrite cronica nel cane, in particolar modo negli individui più piccoli che non hanno ancora ricevuto un vaccino adeguato contro il virus; analogamente, anche il cimurro (Morva Canina), una malattia infettiva contagiosa nei cani causata da un virus patogeno filtrabile, può essere causa di compromissione del tratto gastro-intestinale, nonché di problemi legati all’apparato respiratorio dell’animale. Infine, scatenano gastrite cronica anche tumori, allergie (sia alimentari che non) ed altre patologie del sistema immunitario, malattie del sistema renale e patologie epatiche, ma anche sostanze chimiche irritanti e tossiche.

Solitamente il tumore causa una gastrite cronica e non acuta: si fa riferimento a gastrinoma, leucemie, mastocitoma, adenocarcinoma, linfoma gastrointestinale; qualche caso di gastrite cronica viene ricondotto a polipi gastrici; persino un parassita che mirano a colonizzare lo stomaco del cane può dare infiammazione a lungo termine. Cause meno comuni sono lo stress, l’agitazione, il trauma e l’ingestione eccessiva di erbe e altri vegetali.

Sintomi della gastrite nel cane

Per poter diagnosticare in maniera efficace e precoce la gastrite in un animale domestico come il cane, è necessario saper riconoscere correttamente la sintomatologia generale. La stragrande maggioranza dei sintomi della gastrite non sono unici, bensì sono condivisi con altre patologie e situazioni potenzialmente di disagio per il cane, perciò è necessario sempre e comunque contattare un medico veterinario per la diagnosi accurata e precisa. Se il cane è affetto da una infiammazione cronica o acuta dello stomaco o delle sue membrane, si noteranno dunque i sintomi clinici generali della patologia gastrica, che sono i seguenti.

Il vomito:

solitamente è un sintomo che nel cane persiste ed è grave soprattutto nelle forme croniche di infiammazione allo stomaco; il vomito può essere di diversa tipologia: il caso più comune è il cane che vomita schiuma bianca. La schiuma bianca nei rigetti dell'animale deve subito fungere da campanello d'allarme per il padrone, che deve rivolgersi ad un medico veterinario per la diagnosi e la prognosi del cane. In altri casi, l'aspetto del vomito può essere di diversa morfologia: può essere giallo (vomito tinto di bile), rosso (ematemesi, vomito sporco di sangue) o marrone (con sangue digerito e coagulato, una delle sintomatologie cliniche più gravi).

Il dolore addominale:

può essere di differente importanza, talvolta è lieve, talvolta invece è così doloroso che debilita l’animale al movimento.

La debolezza e la letargia

continua possono essere sintomi di infiammazione allo stomaco, così come la disidratazione -che si manifesta con un continuo bisogno di bere- dovuta alla perdita di fluido dovuta al rigetto.

In altri casi è stata denotata una inappetenza

una perdita di peso e gravi forme di diarrea, tutti sintomi che nel cane erano fortemente associati alle gastriti. Un sintomo più raro (perché presente solo nelle gastriti croniche e avanzate) ma da non sottovalutare è la presenza di sangue nelle feci del cane: questo segno clinico, però, può confondere la diagnosi perché è più spesso generato da ulcere gastriche.

Esistono poi una serie di segni clinici molto meno comuni e di più complessa osservazione, ma che sembrano comunque essere collegati alle gastriti canine: parliamo di casi di pallore delle mucose e relativa perdita di sangue; presenza di una colorazione più opaca del pelo dell’animale, e aspetto trasandato della sua pelliccia; presenza di ittero (giallore delle mucose e degli occhi); casi continui di ptialismo (eccessiva salivazione).

Cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

Cura con le crocchette Farmina Vet Life Gastrointestinal

La cura di un cane affetto da gastrite cronica o acuta è una questione seria; come si può facilmente intuire, la tipologia di cura che il cane necessita in seguito a tale infiammazione è diversa a seconda della causa scatenante la patologia. Se la causa è batterica, per esempio, sarà importante somministrare al cane un antibiotico (facendo attenzione che tale medicinale non comporti, tra gli effetti collaterali, anch’esso una gastrite); se la causa è una allergia, occorre immunodeprimere il cane e modificare la sua dieta; e così via discorrendo.

Ad ogni modo, però, un fattore che incide sempre e comunque sull’equilibrio che governa lo stomaco e l’apparato gastro-intestinale canino è proprio la dieta: è importante alimentare correttamente il proprio cane, sia per prevenzione, che per evitare ricadute in seguito ad una patologia infiammatoria. Farmina Vet Life Gastrointestinal sono delle crocchette appositamente studiate per essere altamente assimilabili da parte dell'animale. Si tratta di un alimento studiato appositamente per proteggere efficacemente la mucosa dell’intestino e la parete dello stomaco, ma anche per facilitare la ricostituzione ottimale della flora batterica intestinale in seguito alla malattia infiammatoria dello stomaco.

Farmaco Vet Life Gastrointestinal è un alimento a base di pollo, riso e patate, indicato per tutti i cani con problemi gastro intestinali, ma soprattutto per quegli amici a quattro zampe che non possiedono una attività pancreatica ottimale, oppure che sono reduci da torsioni o lesioni allo stomaco, da gastriti eo da pancreatiti acute non iperlipidemiche.

Farmina Vet Life Gastro va utilizzato nella modalità corretta per garantire una pronta guarigione al cane e per accompagnarlo sia nella riabilitazione che nella prevenzione da problemi all’apparato gastro-intestinale: prima dell’utilizzo, rivolgersi sempre e comunque ad un medico veterinario. L’alimento dovrebbe essere assunto per tutta la vita del cane nel caso di insufficienza pancreatica; nel caso l'animale sia da poco guarito da una gastrite acuta, solitamente viene consigliata un’alimentazione a base di Farmina Vet Life Gastro Intestinal per circa due settimane.

La dose dell'alimento Farmina Vet Life Gastro Intestinal può essere suddivisa in due o più pasti al giorno; è raccomandabile lasciare sempre al cane dell'acqua a volontà per poter idratare il più possibile l'animale. Servire Farmina Vet Life Gastro Intestinal tal quale seguendo la quantità giornaliera che vi indicherà il veterinario.

Da cosa è composto Farmina Vet Life Gastro Intestinal?

Farmina Vet Life Gastro Intestinal è un alimento a base di crocchette, composto da ingredienti altamente selezionati per garantire il benessere e la riabilitazione del cane. I componenti dell'alimento sono: riso, proteine animali idrolizzate, carne di pollo disidratata, patate, grasso animale, uova intere disidratate, avena, carbonati di calcio, cloruro di potassio e cloruro di sodio, olio di pesce ed olio vegetale, polpa di barbabietola essiccata, inulina e frutto-oligosaccaridi, mannano-oligosaccaridi.

Tutti gli ingredienti di Farmina Vet Life Gastro Intestinal sono garantiti al 100% ed hanno superato ogni test di controllo: la loro efficacia è garantita; son funzionali ed ideali per i cani con problemi gastro intestinali.

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha