Il gatto, la lettiera, il suo utilizzo ed i vari tipi di sabbia argilla silicio ed organica

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Il gatto, la lettiera, il suo utilizzo ed i vari tipi di sabbia argilla silicio ed organica

Il gatto, la lettiera, il suo utilizzo ed i vari tipi di sabbia argilla silicio ed organica

 (0)    0

  Articoli sul mondo del gatto - Accessori Giochi Igiene

Il gatto, la lettiera, il suo utilizzo ed i vari tipi di sabbia argilla silicio ed organica

Il gatto, la lettiera, il suo utilizzo ed i vari tipi di sabbia argilla silicio ed organica

Chiunque possieda un simpatico e dolce mini-felino domestico, altrimenti detto micio, sa bene che il primo posto nella lista dei prodotti per la sua igiene più difficili da scegliersi, è occupato da quello che sarà destinato ad essere il suo WC: la lettiera per gatti.

E non è necessario possedere un gatto per sapere che questo animale è estremamente attento alla pulizia sua e dell'ambiente in cui si muove.

Forse pochi sanno, infine, che è anche particolarmente sensibile agli odori sgradevoli, dai quali rifugge a "zampe" levate.

Igiene assoluta e nessuna emissione maleodorante sono, quindi, i primi due elementi che devono guidare, in senso assoluto, il nostro acquisto della lettiera per gatti ottimale.

A questi seguono altre caratteristiche del tutto relative (soggettive, diverse da gatto a gatto) che riguardano le particolarità funzionali ed estetiche proprie della lettiera come la tipologia (lettiera chiusa per gatti o lettiera aperta), il contenuto (sabbia per gatti a base di silicio, sabbia per gatti organica, sabbia per gatti contenente argilla), la forma, il colore, probabilmente gli unici due parametri a totale, nostra, discrezione.

Effettuato l'acquisto, la nostra sfida con la lettiera per gatti non è ancora conclusa: bisogna dapprima individuare il luogo migliore per collocarla e, quindi, studiare la tecnica vincente per abituare il gatto alla sua "presenza".

Lettiera Igienica Per Gatti Con Coperchio Easy Camon 

Le dimensioni

Immaginando di trovarci davanti ad una ampia gamma di modelli di lettiere per gatti, la prima scrematura può essere effettuata utilizzando quello dimensionale come parametro principale di scelta.

La lettiera per gatti deve essere cucita su misura del nostro micio, quindi sono da escludere a priori quelle esageratamente piccole o smisuratamente grandi.

Se il micio è un cucciolo, all'inizio, come per i neonati, è necessario acquistare una lettiera di piccole dimensioni che poi andremo a sostituire con una più grande, col passare del tempo, a crescita completata.

Se, al contrario, abbiamo un esemplare già adulto, dobbiamo regolarci in base alle sue dimensioni, senza farci condizionare da altri elementi come ad esempio lo spazio disponibile nell'abitazione; quello lo individueremo solo dopo e con grande attenzione.

Lettiera Per Gatti Con Cornice Jerry Di Camon

La tipologia

A questo punto, il passo successivo, prevede la scelta della tipologia di lettiera per gatti che faccia al caso nostro, o meglio del nostro amico a quattro zampe: lettiera chiusa per gatti o lettiera aperta?

La risposta a questa domanda è difficile da fornire in modo univoco, essendo dipendente in modo assoluto dai gusti del nostro animale.

Sta a noi individuare il modello migliore tra i tanti e la scelta risulterà tanto più vincente quanto più siamo in confidenza e conosciamo il nostro amico gatto.

Dobbiamo sapere o intuire o percepire se preferisca fare i propri bisogni "ritirato" in un ambiente chiuso, lontano da occhi indiscreti o, diversamente, se ami la libertà di "esprimersi" all'aria aperta.

La scelta della lettiera chiusa o aperta è legata a doppio nodo alla natura del micio; il suo carattere, le sue abitudini, i suoi atteggiamenti, la vita che ha condotto (se c'è stata) prima di conoscere noi.

Se è un animale schivo, riservato, "sornione", che passa molto del suo tempo sul divano in relax, probabilmente per lui più indicata è una lettiera chiusa per gatti.

Se, invece, il suo è un temperamento "leonino", amando stare al centro dell'attenzione ed essendo animato da una vigorosa energia che lo porta a trascorrere la maggior parte del tempo lontano dai nostri occhi, certamente dovremmo acquistare una lettiera aperta, che rispecchi la sua indole.

 

Il contenuto

Prima di capire cosa mettere dentro la nuova lettiera per gatti, sarà opportuno individuarne la corretta granulometria: materiale fine o grosso?

Visto che il gatto in natura non scaverebbe mai (per nascondere le sue deiezioni) su un terreno troppo duro per le sue zampette, va da sé che il materiale che la lettiera deve contenere deve essere fine e leggero.

Uno dei principali motivi di avversione del gatto verso la propria lettiera è, proprio, legata alle caratteristiche granulometriche della sabbia per gatti di riempimento, quando troppo simili a quelle di non confortevole "ghiaia" piuttosto che morbida sabbia.

Passando alla scelta del materiale, il commercio offre diverse tipologie, tutte estremamente valide.

Lettiera Per Gatti Argilla Naturale Biokat's Bianco Fresh

Lettiera di argilla organica

Se abbiamo poco tempo a disposizione da dedicare alle operazioni di pulizia della lettiera del nostro gatto, l'acquisto ottimale è rappresentato dall'argilla organica.

Si tratta di una sostanza la cui struttura molecolare di tipo tetraedrico le conferisce la straordinaria caratteristica di assorbire liquidi, trattenendoli nel suo reticolo senza più rilasciarli.

Il risultato sarà un agglomerato leggermente aumentato di volume per il rigonfiamento del materiale argilloso che verrà, così, facilmente e velocemente rimosso con una paletta, insieme al resto del materiale solido prodotto dal gatto.

L'argilla, inoltre, assorbe anche gli odori non proprio gradevoli associati alle deiezioni del micio, dei quali non vi sarà nessuna traccia percepita (dal gatto e dalle persone) in giro.

E nessuna traccia lasceranno neppure le zampette del gatto, visto che il materiale argilloso non si appiccica fastidiosamente alle estremità del micio.

7 cm di argilla naturale, venduta con l'aggiunta di componenti ecosostenibili aventi funzione anti-batterica, assicurano una igiene al 100% in poche mosse.

Lettiera Per Gatti Biokat's Organic 

Lettiera organica

Se il nostro gatto soffre di minzione abbondante, maleodorante o anche incontinenza, allora il prodotto giusto sarà la lettiera organica.

Le sue fibre naturali di tipo vegetale sono in grado di garantire una assorbenza totale dei liquidi ed anche dei cattivi odori per diverse ore.

La lettiera organica è molto leggera (pesa la metà di una identica lettiera riempita con argilla) e per questo è facilmente trasportabile, ma è anche biodegradabile al 100% il che la rende più semplice da trattare, soprattutto nelle operazioni di smaltimento del materiale di scarto.

Per definizione la lettiera organica è ecosostenibile e biocompatibile, quindi atossica ed estremamente delicata per garantire comfort assoluto al nostro gatto nei suoi momenti intimi.

Come per l'argilla sono sufficienti 7 cm di riempimento da ripulire 3 volte al giorno, togliendo il materiale "esausto" e reintegrandolo con nuova sostanza organica.

Lettiera Per Gatti Silicio Biokat's VictoryCat Crystals  

Lettiera al silicio

Una valida alternativa all'argilla, se si punta ad operazioni di pulizia rapide ed efficaci è costituita dal silicio che dalla sua ha un elevato potere assorbente ed un eccellente capacità di neutralizzazione dei cattivi odori.

Il silicio è in forma di cristalli compatti scarsamente ricchi di polvere e per questo è di facilissima rimozione oltre che assolutamente non compatibile con le zampette del micio (non si attacca).

La polvere, inoltre, non di rado è veicolo di agenti patogeni di varia natura che possono causare antipatiche reazioni allergiche al gatto.

Si scelga il silicio, quindi, se si desidera una materiale assolutamente igienico, anallergico, anti-odorante, di facile gestione.

Per abituare il gatto a questa sostanza, è buona prassi inserirla pian piano con il materiale al quale è abituato, fino a sostituirlo del tutto con il materiale siliceo.

Dove collocare la lettiera per gatti

Dove collocare la lettiera per gatti

Il posto dove collocare, senza più spostare, la lettiera per gatti deve essere il risultato di una attenta riflessione puntuale che tenga conto di diverse variabili.

Bisogna, infatti, considerare sia le nostre esigenze legate alla vivibilità degli ambienti della casa, sia quelle del gatto che della lettiera dovrà far ottimo e sereno uso.

Per questo, banditi i luoghi come la cucina ed il salotto per ovvi motivi facilmente intuibili, le opzioni ricadono su posti che siano facilmente raggiungibili dal micio, ma anche relativamente tranquilli e riservati.

E' importante che se in casa vi è anche un cane, la lettiera per gatti sia tenuta a debita distanza da quello che è il suo territorio o potrebbero crearsi spiacevoli "conflitti di interesse" da parte di questo verso il wc del micio.

Ma bisogna anche fare attenzione a non mettere le ciotole del cibo e dell'acqua del gatto nei pressi della sua lettiera; chi mangerebbe, mai, nel bagno?

Vedendo la questione "collocamento ottimale lettiera per gatti", sotto questo profilo, possiamo affermare senza tema di smentite che uno dei luoghi migliori è, decisamente, il nostro bagno, in un angolino, dove non dia fastidio e non sia di ostacolo al normale svolgimento delle attività quotidiane di nessuno.

Alternativamente si può scegliere anche il terrazzo se chiuso o la veranda. L'importante è che si tratti di un ambiente confortevole e, quanto più possibile, silenzioso e tranquillo.

 

Come abituare il gatto alla lettiera

La primissima cosa da fare è mostrare al gatto il nuovo acquisto, una volta posizionato laddove rimarrà per lungo tempo.

Quindi si inizia mettendo l'animale, esattamente come si fa coi bebè, più volte al giorno nella lettiera per gatti.

Basta che il nostro micio la usi una volta, impregnandola un pò del suo odore ed il gioco è fatto: lo riconoscerà come suo wc privato e vi farà ritorno ad ogni bisogno impellente.

Se questa operazione risultasse difficile ed il nostro amico continuerà a lasciare deiezioni in giro, raccomandiamo di pulire bene e, se si può, anche gettare via oggetti o tessuti impregnati del suo tipico odore: non ritrovando il "bagno" abituale, disorientato, più facilmente potrà avvicinarsi alla nuova lettiera.

Assolutamente vietato sgridarlo o alzare la voce, se i primi tempi mostrerà un pò di reticenza; non serve assolutamente a nulla, se non ad ottenere l'effetto opposto.

Se in casa il micio non è l'unico ospite a 4 zampe, ma vi sono altri amici gatti, bisogna che ognuno disponga della propria lettiera; nessun gatto ama usare il wc di un altro simile.

La lettiera deve essere tenuta pulita, rimuovendo con costanza il materiale di scarto prodotto e non deve emettere alcun tipo di odore; quindi evitare di spruzzare profumi ambiente ad effetto coprente, meglio usare materiale di riempimento altamente assorbente.

Infine bisogna provvedere a cambiare la lettiera se, dopo del tempo, il gatto ha subito una qualche sostanziale modifica di tipo comportamentale o fisico, come può essere ad esempio la comparsa di una malattia reumatica (o semplicemente la sopraggiunta anzianità), tale da comprometterne il normale ed agevole utilizzo della lettiera "vecchia".

Lettiera per gatti - curiosità in pillole

Lettiera per gatti - curiosità in pillole

In realtà con il termine "lettiera" si dovrebbe intendere solo il contenuto di quella che correttamente prende il nome di "cassetta". Col tempo, secondo la figura retorica che stilisticamente viene definita metonimia, cioè chiamare una cosa identificando contenuto con contenitore, si è passati a chiamare la cassetta, semplicemente lettiera.

Altra curiosità, di tutt'altro genere: per pulire al lettiera in modo ecologicamente ed igienicamente corretto si può procedere riempendola con 2 cucchiai di bicarbonato di sodio sciolti in un litro di acqua, da tenere per circa 1 oretta. Questa operazione andrebbe fatta almeno 1 volta la settimana.

Durante quella particolare fase del gatto femmina definita "calore" l'animale tende a smettere di usare la lettiera per gatti, preferendo lasciare le proprie deiezioni in giro.

E' un comportamento del tutto innato che serve per segnalare ai gatti maschio la disponibilità all'accoppiamento e quindi alla riproduzione.

Generalmente, tende a scomparire al termine del periodo di calore e ovviamente nei casi di sterilizzazione.
Infine un consiglio: il colore ottimale per la lettiera è il bianco che permette di monitorare costantemente il colore dell'urina del gatto ed eventualmente notarne cambiamenti sostanziali per i quali è bene rivolgersi al proprio medico veterinario.

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha