La Toelettatura Fai Da Te Per Gatti, Consigli E Prodotti

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

La Toelettatura Fai Da Te Per Gatti, Consigli E Prodotti

La Toelettatura Fai Da Te Per Gatti, Consigli E Prodotti

 (1)    1

  Articoli sul mondo del gatto - Accessori Giochi Igiene

La toelettatura fai da te per gatti, consigli e prodotti

 

I gatti hanno corpi estremamente flessibili e sono adorabili quando si leccano instancabili riuscendo a raggiungere ogni punto del corpo, senza difficoltà. La loro lingua è studiata da madre natura per governare il fitto manto, per rimuovere i peli in eccesso e per lavarsi. Ecco perché, per la toelettatura del gatto fai da te è utile seguire consigli ed utilizzare prodotti specificificamente studiati per i nostri amici felini.

La toelettatura fai da te per gatti

Come eseguire la toelettatura fai da te del gatto, consigli e prodotti, funzione.

A qualunque razza appartenga il vostro gatto, ci sono periodi dell’anno in cui il folto manto subisce una muta. Si verifica una maggiore perdita di pelo, un leccarsi più frequente ed intenso. In questo caso, la toelettatura che eseguite voi, evita di lasciare, sui pavimenti e tappeti, ciuffi di pelo e di far ingerire al gatto più pelo del solito (una volta ingoiato, una parte è digerita e poi espulsa attraverso le feci ed un’altra parte è vomitata).

La toelettatura rimuove i peli ormai staccatisi dalla cute; il manto così ripulito permette una maggiore protezione del corpo del gatto, regolandone la temperatura d’estate come d’inverno.

Un pelo sano e folto, mantiene il manto impermeabile e quando esposto al sole (i gatti adorano le coccole del tiepido sole) è facilitata la produzione di vitamina D. Un pelo toelettato conserva i suoi odori, fondamentali per la vita del gatto. Durante la toelettatura, si possono rimuovere i parassiti (come ad esempio le pulci).

Lozione Orecchie Cani E Gatti Con Noce E Calendula Officinalis

Toelettare, stimola la pelle a produrre oli, conferendo al manto un aspetto sano.

La toelettatura vi permette di controllare l'igiene delle sue orecchie (dove spesso si annidano gli acari) lo stato di salute degli occhi e della bocca, oltre che eventuali lesioni della pelle.

La toelettatura del gatto può essere terapeutica per voi come per il vostro gatto, perché rafforza quello speciale legame tra uomo ed animale.

La toelettatura stimola la pelle a produrre oli per il manto

La toelettatura è importante sin dal momento in cui in casa entra il felino, che sia esso cucciolo o già adulto.

Abituato pian piano, diventa una routine piacevole per entrambi, oltre che utile. Non deve, nella maniera più assoluta, essere una specie di tortura per l’animale, tantomeno un grattacapo per voi. Un gatto non deve mai essere toelettato o accarezzato contro la sua volontà. In caso ciò si verifichi, l’esperienza sarà molto stressante, soprattutto per la sua indole. Tanto più un gatto ha confidenza con la toelettatura, tanto più semplice sarà il suo incontro col veterinario: il gatto sa cosa aspettarsi, ovvero nulla di traumatico. Per la toelettatura fai da te, avete bisogno di un pettine a denti sottili e stretti, una spazzola con setole, un guanto. Sono articoli che trovate nel negozio di articoli per animali di vostra fiducia.

Guanto per la toelettatura del gatto

La toelettatura va fatta quando il gatto è rilassato, non bisogna forzarlo. Deve essere eseguita almeno una volta a settimana. E’ buona abitudine verificare la presenza di pulci, soprattutto se il gatto soggiorna spesso all’aperto, in giardino ecc. Il pettine sottile vi aiuta a capire se il suo manto nasconde parassiti. Le pulci non hanno ali e depositano gli escrementi tra i peli e sulla cute. Gli escrementi sono dei puntini neri a forma di virgola. Sono parassiti dannosi per la salute del gatto: succhiano il sangue, provocano prurito (con conseguenti lesioni da artigli) e scatenano la tenia. In caso di pulci, parlate col veterinario di fiducia e con il negozio di articoli per animali da cui vi servite.

Cardatore Morbido Gatto KarlieKarlie Tagliaunghie Per Gatto

Utilizzate le vostre dita per spostare il pelo, in modo che quelli ormai morti cadano. Massaggiate la cute delicatamente, così da favorire la circolazione e la crescita di nuovi peli. Spazzolate procedendo dalla testa verso la coda, seguendo la naturale direzione del pelo.

Il guanto è utile per rimuovere il pelo morto e massaggiare. Infine, inumidite il guanto e lisciate, il pelo apparirà lucido. Durante la toelettatura, in caso il gatto manifesti segnali di disagio, interrompete. La toelettatura fai da te deve concludersi nel più breve tempo possibile. Tenete sempre a portata di mano ghiottonerie per gatti, prolungano l'appagamento.

Per i gatti a pelo lungo, serve un’attenzione in più. L'attrezzatura necessaria prevede un pettine a denti larghi e un guanto di gomma. I gatti a pelo lungo devono essere accuditi almeno una volta al giorno, ma attenzione, dovete sempre stare attenti alla soglia di tolleranza dell'animale. Una particolare attenzione va data al sotto ascella, una zona delicata. Spesso vi imbatterete in nodi e dovrete aiutarvi con le dita. Non tagliate il pelo annodato! Potreste ferire il vostro gatto senza rendervene conto: è difficile distinguere dove comincia il pelo e dove c’è pelle!

Una volta districato il nodo, procedere col pettine e poi col guanto. Infine, usate il guanto leggermente bagnato per una carezza che conferisce brillantezza al manto. Un pettine a denti sottili, per scovare eventuali pulci, è molto più difficile da utilizzare su un gatto a pelo lungo. E’ questa un’operazione che va fatta dopo aver districato i nodi con le dita, armati solo di tanta pazienza. La toelettatura quotidiana del gatto a pelo lungo, evita l’arruffamento del pelo e la formazione dei nodi.

Toelettatura del gatto a pelo lungo

Spray per toelettatura e bagno.

Nel vostro negozio di fiducia trovate molti spray per toelettare al meglio il gatto, sia a pelo corto sia lungo. Vale la pena provarne diversi, prima di decidere quale possano essere i prodotti più adatti per pettinare, districare, lucidare, pulire. Evitate così stress all’animale e fatica a voi.

Se il gatto è sano e vive in casa, non c'è motivo di fargli un bagno. La maggior parte di essi non tollera di essere lavato.

Quando eseguite la toelettatura, è bene seguire alcuni consigli pratici: è meglio interrompere per un po’ o rimandare ad altro giorno se il gatto ha spasmi o increspa la pelle, se muove la coda nervosamente, se tenta di graffiarvi, se si irrigidisce, se le sue orecchie ruotano all’indietro, se si lecca naso e labbra, se scuote la testa, se si gratta all’improvviso e rapidamente, se ringhia o emette strani suoni e soffia. Anche gli artigli, in caso il gatto viva in casa, possono essere spuntati con appositi taglierini in vendita nel vostro negozio di fiducia. Vanno tagliate solo le punte! Oltre no, perché si rischia di toccare i capillari presenti nelle unghie e farlo sanguinare (un'inutile sofferenza).

 (1)    1

  •  Commenti ( 1 )
Cristina
 Cristina
Va aggiunto all'articolo che molti gatti riescono a garantirsi la pulizia da soli, la mia micia tranne per il taglio delle unghie mfa tutto da sola. Complimenti comunque al sito per gli articoli molto interessanti
Pagina:1
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha