L’importanza del gioco per il gatto

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

L’importanza del gioco per il gatto

L’importanza del gioco per il gatto

 (0)    0

  Articoli sul mondo del gatto - Accessori Giochi Igiene

L’importanza del gioco per il gatto

L’importanza Del Gioco Per Il Gatto

Il gioco rappresenta un momento di apprendimento e crescita, tanto nell'uomo quanto nell'animale, ecco perché diventa importante imparare a stimolare il proprio gatto a giocare.

Non sempre, però, i gatti risultano interessati al gioco proposto o agli oggetti specificatamente pensati per loro e acquistati proprio per farli divertire.

La motivazione di questo atteggiamento può risiedere in diverse cause, una delle quali può essere l'eccessiva sedentarietà del micio o la mancanza di una compagnia, umana o felina, per troppe ore.

Non va comunque esclusa la possibilità che l'indifferenza del gatto verso il gioco possa essere scatenato da qualche problema di salute, infatti se risulta piuttosto debole e inappetente, bisognerebbe considerare a breve termine una visita dal veterinario di fiducia.

Nel gatto adulto, in ogni caso, il gioco resta un momento quotidiano di una mezzora o un'ora ogni tanto, perché tendenzialmente la sedentarietà della vita del felino domestico e le lunghe ore di sonno dedicate durante la giornata lasciano meno tempo al gioco, che resta sempre e comunque un momento importante.

L'importanza del gioco nella crescita dei gattini

L'importanza del gioco nella crescita dei gattini

Così come per i bambini, anche per i gattini in crescita il gioco diventa un momento di socializzazione, di divertimento e di conoscenza.

Per sua natura, infatti, il gatto ha bisogno di stimoli di caccia che in natura sono ovunque, mentre in ambiente casalingo devono essere riprodotti appositamente.

Attraverso il gioco i gattini sviluppano le loro doti naturali di abilità, acutezza visiva, velocità negli scatti, precisione nei balzi, tutte capacità innate che però nei primi mesi di vita devono essere "allenate" con il gioco.

Per di più nei gattini giocare diventa anche un mezzo attraverso il quale sviluppare la capacità di difendersi dalle aggressioni future (ipotizzate in natura), stabilendo una gerarchia con i propri simili: le lotte tra gattini non sono puro gioco deputato al solo scopo di divertimento, ma servono anche a stabilire una tacita gerarchia tra i vari membri del gruppo.

Anche la lotta che spesso i gattini effettuano con le mani dei proprietari, così come gli agguanti improvvisi a caviglie e piedi, rappresentano la trasposizione di questo sottile gioco di allenamento e di impostazione della gerarchia.

Con i giochi sospesi, che i gattini amano acchiappare e muovere con le loro zampette, in realtà si stanno sviluppano anche la velocità visiva e quella fisica, creando il sostegno sensoriale per la futura crescita. I gattini con il gioco iniziano anche a capire come utilizzare gli artigli, imparando quando retrarli e quando estrarli all'occorrenza, capendo che possono anche essere motivo di incastro in particolari materiali.

Con il gioco apprendono la pressione da dare nel morso, anche se meno sfruttato nel gatto rispetto al cane, capendo quanto serrare in caso di offesa e quanto poco in caso di semplice divertimento.

Il gioco nel gatto adulto

Il gioco nel gatto adulto

Quando il gatto supera il primo anno di vita può già indicativamente considerarsi un giovane adulto. A questo punto non sarà annullato il suo interesse verso il gioco, ma la valenza sarà sempre più spostata verso un bisogno spontaneo diverso, più che altro riguardante la necessità di scaricare le energie accumulate durante le lunghe indisturbate ore di sonno e di assecondare il suo innato istinto felino sempre devoto alla caccia, sia reale che simulata.

Nel gatto adulto il gioco non è più tanto quello della lotta, che sporadicamente può comunque ripresentarsi, quanto quello dell'inseguimento di oggetti che si muovono veloci.

Il comportamento predatorio felino viene infatti stimolato da qualunque cosa di muovi velocemente, senza che questo rappresenti necessariamente qualcosa di vivo: tende mosse dal vento, palline che rotolano al minimo impatto, fili e corde anche immobili diventano l'inizio di un gioco che può anche durare diverso tempo. Il gioco in movimento insegna al gatto anche come muoversi, saltare, correre ed eventualmente cadere senza farsi male, mentre l'apprendimento stimola anche lo sviluppo cerebrale, infatti

gatti che tra il primo e il secondo mese di vita non hanno avuto esperienze di gioco, risultano tendenzialmente meno intelligenti e affettuosi.

Il gatto adulto mantiene l'istinto al gioco anche da anziano, momento in cui può ridursi però la frequenza e gli intervalli di tempo dedicati a questa pratica per una pura questione di maggior affaticamento. Non sono pochi, però, i gatti che dimostrano notevole agilità e prontezza di riflessi anche da senior, mantenendo intatto l'istinto che nettamente contraddistingue questa affascinante specie animale.

In ogni caso, il gatto adulto vive il gioco come uno sfogo essenziale della vita domestica.

I vari tipi di giochi per gatti e quelli fai da te

I vari tipi di giochi per gatti e quelli fai da te

Come si è potuto capire, l'interesse verso i giochi cambia leggermente tra il gattino e il gatto adulto; nonostante ciò si conserva questo istinto al gioco che può risultare doppiamente utile nei gatti d'appartamento soli e castrati/sterilizzati che tendono al sovrappeso.

Tra i principali giochi per gatti vi sono semplici oggetti rotolanti che danno loro l'idea della fuga, innescando conseguentemente la necessità di rincorrerli ed acchiapparli: topolini colorati in gomma o in peluche, palline, puntatori laser e qualsiasi cosa possa attirare la loro attenzione con movimenti oscillatori e suoni, rappresenteranno uno stimolo perfetto per l'istinto felino.

Giochi per gatti fai da te

Tra i giochi per gatti fai da te, invece, molto apprezzati dai nostri amici felini sono gli oggetti facilmente reperibili in qualsiasi casa perché di uso estremamente comune, come: una pallina fatta di carta stagnola, una scatola o una busta in cui amano nascondersi, accovacciarsi e poi balzare fuori per un agguato, un gomitolo di lana, etc.

In genere va bene qualunque cosa non possa scheggiarsi, rompersi o infrangersi, nè il micio possa spezzare, lacerare o ingoiare, per questo motivo il gomitolo di lana o qualunque filo e corda, possono essere degli ottimi giochini fai da te purché vi sia la supervisione del proprietario, attento che non ne ingerisca delle parti.

In casa possono risultare utili anche delle strutture appositamente create su più livelli, in modo che il gatto, saltando e arrampicandosi, sviluppi la sua agilità, la sua muscolatura e inconsapevolmente faccia dell'esercizio aerobico.

Il gioco rimane quindi un tassello fondamentale della vita di un gatto, sia da piccolo che da adulto, perché aiuta a completare lo sviluppo fisico e muscolare, oltre che quello mentale e predatorio.

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha