Processionaria cani, un pericolo mortale: come riconoscerla e cosa fare

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Processionaria cani, un pericolo mortale: come riconoscerla e cosa fare

Processionaria cani, un pericolo mortale: come riconoscerla e cosa fare

 (0)    0

  Articoli sul mondo del cane - Abbigliamento Accessori Giochi Igiene

Spesso sottovalutata, la processionaria dei cani rappresenta un pericolo molto serio per la salute del tuo amico peloso.
Si sa, i cani amano esplorare: e non di rado, nel corso di questa attività, può capitare loro di imbattersi in varie tipologie di parassiti. La processionaria, in tal senso, è fra gli insetti più dannosi: i suoi peli, infatti, hanno una potente azione urticante che distrugge le cellule dei tessuti, con conseguenze che possono andare dal semplice eritema al decesso.

E' quindi estremamente importante mettere in atto tutte le procedure preventive per evitare che il cane venga a contatto con la processionaria: in tal senso, oltre a controllare costantemente i suoi movimenti, un buon sistema consiste nell'imparare a riconoscere il parassita, individuando i luoghi e i periodi di maggiore diffusione. Se, nonostante tutte le precauzioni, il tuo amico dovesse toccare o ingerire uno di questi insetti, rivolgiti senza indugio al veterinario: solo un intervento tempestivo e appropriato, infatti, può limitare al minimo i danni e scongiurare gli esiti più gravi.




Cosa sono le processionarie

Di solito non si pensa mai ad una possibile correlazione fra la processionaria e i cani: di questo parassita, infatti, viene generalmente considerata la ben nota perniciosità per le piante. Grazie al suo vertiginoso ritmo riproduttivo e alle sue forti mandibole, infatti, la processionaria è capace di spogliare intere pinete di tutte le loro foglie.

Ma cosa sono le processionarie? Si tratta di insetti lepidotteri appartenenti alla famiglia dei taumatopeidi che colpiscono prevalentemente alberi d'alto fusto come querce, pini, faggi, castagni e larici, mostrando una spiccata predilezione per le piante più giovani (tra i due e i cinque anni).

Le larve sono facilmente riconoscibili a occhio nudo: il loro aspetto, infatti, è del tutto somigliante a quello dei vermi. Lunghi circa 4 cm, i bruchi della processionaria hanno il corpo di colore scuro, con un fascia giallastra sul dorso. Da adulta, la processionaria è una farfalla di colore grigio-bruno con un ciclo vitale estremamente breve che non supera quasi mai le 48 ore; ma è allo stadio larvale che si manifesta in tutta la sua pericolosità. I suoi bruchi, infatti, sono ricoperti da una peluria che, in caso di contatto o ingestione, espleta sui tessuti un'azione fortemente irritante in grado di intaccare l'integrità delle cellule causandone la necrosi. Il pericolo maggiore, in tal senso, interessa animali come i cani e i cavalli: i bruchi, infatti, non stanziano unicamente sui fusti degli alberi, dove li si vede spesso procedere in lunghe file indiane (da qui il nome "processionaria") ma si trovano molto spesso sul terreno o fra l'erba alta.



Processionaria periodo

Il momento di maggiore attività della processionaria si concentra nei mesi più freddi dell'anno; durante l'estate, invece, i suoi bozzoli restano interrati, per schiudersi nei mesi di luglio e agosto. E' questo il periodo più "a rischio", nel quale il tuo cane può imbattersi più frequentemente nei parassiti mentre annusa il terreno. I luoghi dove maggiore è la concentrazione di questo insetto sono le regioni a clima temperato dell’Europa meridionale, il medio Oriente e l’Africa settentrionale.

processionaria come riconoscerla

Processionaria: come riconoscerla

Il primo sintomo mostrato da un cane che è entrato in contatto con la processionaria è una salivazione esagerata. Questa manifestazione scaturisce dal gonfiore delle mucose della bocca e della lingua, dovuto al contatto con i bruchi.

Le larve della processionaria, infatti, hanno il corpo interamente ricoperto da una peluria altamente urticante che necrotizza la cellule causando la rapida morte dei tessuti. Per questo, se al tuo cane accade di toccare accidentalmente la processionaria con la zampa o mentre annusa il terreno, la cute e le mucose di naso e bocca saranno immediatamente colpite da infiammazione.

Ancor più gravi possono essere le conseguenze in caso di ingestione: l'effetto urticante e necrotizzante dei peli, infatti, può coinvolgere esofago e stomaco, provocando sofferenze atroci e portando l'animale al decesso.  Ma conseguenze letali possono verificarsi anche nell'immediato: il gonfiore della lingua, infatti, può accrescersi in modo eccessivo ingrossando il muscolo oltre misura e causando il soffocamento. In presenza di questi sintomi, quindi, esiste un'altissima probabilità che si tratti di processionaria: dovrai perciò mettere in atto tutti gli accorgimenti del caso e correre dal veterinario senza perdere un attimo di tempo. Questa tipologia di infiammazione, infatti, ha un decorso rapido e molto spesso letale, soprattutto in caso di ingestione del parassita.

processionaria cane sintomi

Processionaria cane sintomi

La processionaria del cane ha sintomi molto caratteristici, che consentono di sospettare immediatamente l'origine dello stato infiammatorio. Allo stadio iniziale, infatti, il cane manifesta una salivazione eccessiva e un comportamento inspiegabilmente irrequieto. In alcuni casi è presente anche il vomito, che può contenere tracce ematiche.

La cute e le mucose entrate a diretto contatto con il parassita possono sviluppare dermatiti, piaghe ed eritemi pruriginosi; bocca e lingua potranno apparire particolarmente gonfie e arrossate, con gravi lesioni in alcuni punti. Nella maggior parte dei casi, la lingua rappresenta la parte maggiormente colpita: il punto di contatto, inizialmente ulcerato, andrà rapidamente in necrosi con successiva caduta di una porzione del muscolo.

Altri sintomi secondari saranno dolore acuto, febbre, scolo nasale, fistole, diarrea emorragica, inappetenza, infiammazione di stomaco e intestino, abbattimento generale.  L'effetto necrotizzante dell'infiammazione da processionaria, come si è detto, è molto rapido: un intervento altrettanto rapido e tempestivo costituisce quindi l'unico sistema per limitare i danni ed evitare il peggio.

processionaria cane rimedi

Processionaria cane rimedi

In caso di processionaria, cosa fare? Se ti accorgi che il tuo cane è entrato in contatto con il parassita, la tempestività è la regola numero uno per arginare le conseguenze più gravi.

La prima cosa da fare è cercare di rendere meno incisivo l'effetto urticante, contrastando allo stesso tempo il diffondersi dell'infiammazione alle parti del corpo non coinvolte. Risciacqua ripetutamente la bocca, le zampe e le altre zone interessate con acqua e bicarbonato, avendo cura di proteggere le tue mani con un paio di guanti: i peli della processionaria, infatti, sono altamente urticanti anche per gli esseri umani. Durante questa operazione, fai molta attenzione che il cane non si lecchi e che non ingerisca i peli. Per sciacquare i punti più difficili, puoi spruzzare l'acqua con una siringa priva di ago: questo sistema ti aiuterà ad effettuare la pulizia anche nel caso in cui, a causa del dolore acuto, l'animale non tolleri di essere toccato.

Non dare al tuo cane alcun farmaco di tua iniziativa: anche se in queste eventualità i corticosteroidei sono generalmente consigliati, somministrali solo e unicamente dopo aver consultato il veterinario. Gli effetti collaterali e le possibili reazioni indesiderate, infatti, possono complicare ulteriormente la situazione: assolutamente no, quindi, al fai da te. Porta immediatamente il tuo cane in ambulatorio e cerca di contattare il veterinario durante il tragitto, in modo da informarlo e ricevere adeguate istruzioni. Per la processionaria del cane, i rimedi veterinari successivi al tuo primo soccorso prevedono ulteriori lavaggi eseguiti in sedazione, una terapia con farmaci antinfiammatori a base di cortisone e un antibiotico di copertura.

Una volta valutata l'entità delle lesioni, il veterinario le tratterà con applicazioni locali di pomate o gel; nel caso in cui i peli siano arrivati nello stomaco, potrà essere prescritto l'immediato ricovero. Superata la fase acuta, il tuo piccolo amico potrà gradatamente tornare alla normalità: i dolori si attenueranno fino a scomparire, l'appetito verrà recuperato, la funzionalità gastrointestinale si regolarizzerà, le lesioni si cicatrizzeranno.

In caso di contatto diretto con la lingua, è possibile che il tuo cane subisca una piccola "riduzione" della stessa: solitamente, infatti, la porzione del muscolo coinvolta in modo diretto si necrotizza in modo irreparabile, e cade nei giorni successivi all'incidente. Per evitare che il cane la ingoi e soffochi, il veterinario potrà consigliare un piccolo intervento chirurgico in modo da asportare la parte danneggiata.



Processionaria e cani: la prevenzione

Nonostante non esista, al momento, un vero e proprio sistema per prevenire la processionaria del cane, è comunque possibile adottare alcuni semplici accorgimenti per limitare le probabilità di un contatto.

Sul terreno, la presenza della processionaria ha un periodo di proliferazione compreso tra l'inizio della primavera e la fine dell'estate: in questi mesi, quindi, cerca di evitare le passeggiate con il tuo amico sui prati e sulla nuda terra, preferendo le zone pavimentate e con una scarsa concentrazione di alberi (soprattutto pini).

Il cane è curioso per natura e, essendo l'olfatto il suo senso più sviluppato, impedirgli di annusare ovunque è un'impresa estremamente difficile. Questo, purtroppo, si traduce in un continuo rischio, perchè il suo istinto viene attratto indistintamente da tutti i tipi di odori: ciò lo porta spesso a mettere il naso anche nelle zone più pericolose, e soprattutto negli anfratti dove si annidano le processionarie. Fai dunque molta attenzione a tutti i suoi movimenti e ispeziona accuratamente il terreno durante il tragitto.

Nel caso in cui non ti fosse possibile portare il tuo cane in un posto sicuro o tenere la situazione sotto controllo, puoi ricorrere ala museruola: anche se al tuo cane sembrerà "estrema" e sicuramente frustrante, questa soluzione lo proteggerà efficacemente da eventuali contatti con l'insetto. Questo sistema si rivela particolarmente utile se vivi in città e passeggi con il tuo amico nei parchi pubblici.

Crea un piccolo kit di emergenza e portalo sempre con te: acqua, bicarbonato, guanti di lattice, salviette. In caso di contatto, il tuo cane proverà molto dolore, cosa che potrebbe rendere più complicata la pulizia delle zone interessate: non dimenticare quindi di portare con te anche delle siringhe senz'ago, in modo da aiutarti nel lavaggio senza doverle toccare.

Ricorda che la processionaria è urticante anche per la pelle dell'uomo: durante queste operazioni, quindi, è molto importante indossare sempre un paio di guanti di lattice. Se dovessi comunque venire a contatto con i peli del parassita mentre pulisci il tuo amico, lava subito la parte con molta attenzione e rimuovi tutti i peli rimasti sulla cute, dopodichè rivolgiti al medico per le cure del caso.

Se il problema delle processionarie riguarda in modo diretto il tuo giardino, metti in atto tutte le strategie più idonee ad una efficace disinfestazione degli alberi: taglio delle porzioni infette, trappole ai feromoni per l'eliminazione dei maschi e il blocco del ciclo riproduttivo, applicazione di larvicidi. Non trascurare una periodica ispezione del terreno e delle piante.

Questi accorgimenti ti aiuteranno a garantire al tuo cane un ambiente sicuro per i suoi giochi e le sue scorribande.

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha