Sindrome iperflessoria del carpo per un american bulldog

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Sindrome iperflessoria del carpo per un american bulldog

Sindrome iperflessoria del carpo per un american bulldog

 (0)    0

  Cane Veterinario

Sindrome iperflessoria del carpo per un american bulldog

Sindrome iperflessoria del carpo per un american bulldog

Buonasera, ho un american bulldog di 5 mesi maschi avendo questa razza problemi di cartilagine da cuccioli ho riscontrato che la zampetta sinistra meno su quella destra tende ad essere più appoggiata a terra quasi a toccare con il polpastrello, premetto che tutti i giorni prende una pasticca di condrogen energy,l allevatore mi ha detto che è un problema di peso, in un mese ha preso 4 kg troppo ora è a dieta per una settimana il mangime che gli do e il monge superpremium puppy medium, che ho comprato presso il vostro negozio online, ora mi ha detto di nutrirlo con mangime secco JD della hill's specifico per questi problemi cosa debbo fare

Grazie.

 

Risposta

Gentile Sig. ***

Da quello che mi riferisce sembrerebbe una sindrome iperflessoria del carpo. 

Le cause possono essere varie, ma non sempre è facile definirle. Nei cuccioli spesso si associa a un peso eccessivo accompagnato da scarsa attività fisica o da attività fisica su terreni "duri". In alcuni casi può essere di natura traumatica. Per la diagnosi è bene eseguire delle lastre per confermare o meno il sospetto. In qualche caso può associarsi a squilibri elettrolitici (soprattutto carenze di magnesio) per cui vale la pena di eseguire un'analisi del sangue.

La terapia dipende dall'età e dalla situazione del singolo cane. Sicuramente una dieta ipocalorica se il cane è sovrappeso accompagnata da attività fisica controllata (passeggiate su terreni morbidi). Quindi consiglierei una dieta ipocalorica, oppure va bene il JD ma in dosi tali da favorire una perdita di peso. Se non si risolve si può ricorrere ad una fasciatura o all'impiego di un tutore. 

Vorrei sottolineare che l'impiego dei bendaggi e/o di tutore va fatto solo sotto stretto controllo medico (in un cucciolo in accrescimento un bendaggi fatto male o portato troppo a lungo può fare danni devastanti) quindi niente "fai da te". Nei casi più gravi può essere necessario un intervento chirurgico (artrodesi)

Cordiali saluti

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha