06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Cagna meticcia con analisi del sangue problematiche e possibile avvelenamento da Cycas

Cagna meticcia con analisi del sangue problematiche e possibile avvelenamento da Cycas

 (1)    2

  Cane Veterinario

Salve, la mia cagna , meticcia di quasi 10 anni, circa 15 giorni fa iniziò a stare poco bene, non mangiava assolutamente nulla e vomitava a causa del digiuno.

In una prima visita dal veterinario mi vennero prescritti dei fermenti lattici dopo 5 giorni il cane non dava cenno di miglioramento, dunque facemmo le analisi del sangue , e dai risultati uscirono i globuli bianchi bassi ( 3100 mentre il valore di riferimento era 5000-130000) e le piastrine basse (137.900 .

Mentre il valore di riferimento era 180000-450000). In una seconda visita il veterinario le fece un'iniezione di antibiofico (perché si sospettava avesse mangiato una radice di cicas ) e in più le vennero prescritte 10 iniezioni di DOBETIN e 3ml di sciroppo BETOTAL Per 28 gg.

Da subito è stata benissimo, ma non siamo riusciti a farle le ultime 3 iniezioni perché accusava molto dolore . Stiamo continuando ancora con lo sciroppo, ma da ieri ovvero 7 giorni dopo l'inizio della seconda cura, la cagna è nuovamente inappetente e poco attiva. Cosa mi consiglia? Grazie per l’eventuale risposta

Risposta

Buongiorno

Purtroppo mancando una diagnosi precisa è difficile capire bene cosa fare. L’effetto veloce dell’antibiotico e la ripresa dei sintomi dopo la sua sospensione può far pensare o a una patologia infettiva oppure ad una alterazione della flora batterica intestinale secondaria a cause da definire.

Però dipende dall’antibiotico usato, non ho capito se ha fatto solo una iniezione o se la terapia antibiotica è stata prolungata. Sarebbe bene approfondire le ricerche per definire la causa (per es potrebbe essere utile una ecografia addominale) .

Riguardo alle analisi le alterazioni da lei segnalate non sono molto significative. Dovrei anche sapere quali altri parametri sono stati valutati.  L’avvelenamento da Cycas provoca gravi alterazioni epatiche e renali , vomito e diarrea , insufficienza epatica, disturbi neurologici più o meno gravi. Possono esserci anche forme più lievi.

Cordiali saluti

Dott. Fabio Maria Aleandri

 (1)    2

  •  Commenti ( 2 )
Fabio
 Fabio
Gentile Sig.ra Viviana, la diagnosi di erlichiosi presenta sempre delle difficoltà. Il riscontro di un test positivo non ci permette di sapere con precisione se il cane in quel momento è malato di erlichiosi o se, semplicemente è venuto in contatto in un momento qualunque della sua vita con questo patogeno. Quello che valutiamo è sostanzialmente la presenza di anticorpi. Se presenti possono indicare solo che il cane è venuto a contatto con erlichia ma non ci dice molto sulla presenza effettiva della stessa e sul fatto che l’animale sia malato o meno. D'altro canto un test negativo non ci esclude l’infezione (soprattutto nelle forme acute) Per una diagnosi dobbiamo necessariamente associare questa positività ai sintomi clinici. L’Erlichiosi può decorrere in forma acuta o cronica. La forma acuta presenta febbre, perdita dell’appetito e conseguente calo di peso, ingrossamento dei linfonodi e della milza abbattimento, diminuzione delle piastrine e anemia. Nella forma cronica i sintomi sono meno chiari, sii può avere abbattimento, perdita di peso , anemia , piastrine basse, emorragie (epistassi ,melena), edemi cutanei, febbre (ma non sempre) ingrandimento della milza, alterazioni epatiche e/o renali, ascite e/o versamenti toracici, a volte poliartriti e zoppie. I sintomi però spesso sono sfumati e non sempre è presente tutto quello che ho elencato. In alcuni casi , se c’è un sospetto, ma non siamo sicuri della diagnosi, si procede alla terapia e si valuta l’effetto Non so dirle oggettivamente se il problema sia o meno quello. In generale personalmente ci vado abbastanza cauto nel diagnosticare la malattia in soggetti che non presentano sintomi compatibili ma sono sieropositivi( la sieropositività è più utile in soggetti con sintomatologia compatibile). Un mio consiglio (ma che va assolutamente convalidato dal collega che sta seguendo il caso perché conosce esattamente la situazione mentre io ho notizie di seconda mano) e di continuare a cercare una possibile causa alternativa al problema mentre procedete con le terapie. Cordiali saluti. Dott. Fabio Maria Aleandri - Medico Veterinario
Viviana
 Viviana
Salve, dopo il secondo episodio di inappetenza e abbattimento, abbiamo riportato la cagna dal veterinario, dove tramite un test le ha diagnosticato l'erlichia, nonostante non presentasse febbre e sanguinamenti. Ma soltato inappetenza e abbattimento. La sua temperatura corporea èsempre stata ottima in questo percorso (38.2). Stiamo procedendo con 1 compressa di Bassade al giorno , e stiamo continuando con le vitamine e il BETOTAL, in più le stiamo facendo lavaggi di ringer lattato e sodio. In piu la stiamo nutrendo con le scatolette di Recovery tramite siringa,ma con scarsissimi risultati. Dopo 3 giorni non ci sono miglioramenti, anzi la cagnetta sembra sempre più debole. Io sono un po titubante per i mancati sintomi che la malattia " prevede". Cosa ne pensa e cosa mi consiglia?
Pagina:1
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha