Convivenza difficile per due gatti in appartamento, cosa fare?

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Convivenza difficile per due gatti in appartamento, cosa fare?

Convivenza difficile per due gatti in appartamento, cosa fare?

 (0)    0

  Articoli sul mondo del gatto - Accessori Giochi Igiene

Buongiorno, vi scrivo per avere un vostro consiglio/aiuto sui due miei gatti.

Faccio una premessa: ho sempre avuto gatti, quindi non è la mia prima esperienza, ma le volevo chiedere un consiglio sui miei due amori di gatto con cui vivo da sola in appartamento.

Pepe, che ha 5 anni, gatto europeo molto possente e muscoloso, preso da un gattile a 3 mesi, da una mamma gatta che aveva solo 6 mesi e molto selvatica (che poi mi hanno detto aver rimesso in libertà), è sempre stato molto vivace e molto possessivo nei miei confronti, tanto che era arrivato ad attaccarmi e morsicarmi la sera quando tornavo a casa dal lavoro, se non gli davo troppe attenzioni, o a letto prima di dormire, o se lo sgridavo per qualcosa (è molto vendicativo, la deve sempre aver vinta lui..).

Tutti mi dicevano di ridarlo via, ma per me non era proprio concepibile, mi sono innamorata a prima vista (come di tutti i gatti che ho sempre avuto) e quindi adesso è ancora con me. Perché comunque Pepe non è selvatico ma ha anche momenti di coccole e affetto nei miei confronti, so che mi vuole un sacco di bene. Quindi su consiglio di un veterinario, dopo un anno ho preso Pulce per fargli compagnia e sfogarsi un po durante il giorno: gatto europeo di 2 mesi preso da una signora che aveva una gatta di casa che aveva partorito dei gattini.

Pulce è un amore di gatto, coccolosissimo, ti guarda da lontano e fa le fusa, vuole sempre avere il contatto fisico e mai aggressivo. Penso non sappia nemmeno cosa voglia dire morsicare. Appena arrivato Pepe non lo attaccava e anzi lo studiava, era Pulce che forse avendo paura gli soffiava qualche volta, ma dopo un giusto inserimento durato ben 3 mesi le cose con me sono migliorate (mi attacca di rado) ma Pepe ha riversato tutta la sua aggressività su Pulce, che poverino subisce sempre attacchi e morsi e solo ultimamente si ribella un pochino. La sera trovo non peli ma proprio ciuffi strappati di Pulce in giro per casa…

Quindi ho provato a dargli di tutto: per citarne alcuni.. Rescue Remedy, Hyoscyamus Niger 30ch, Zylkene, melatonina e anche fiori di Bach preparati appositamente da una veterinaria comportamentalista che era venuta a casa mia a vedere come si comportavano i gatti nel loro ambiente. Adesso sto dando a Pepe la Tilia Tomentosa, ma mentre sembrava facesse qualcosa all’inizio, purtroppo non gli sta facendo più nulla, pur avendo aumentato le dosi.

Un paio d’anni fa avevo dato a Pepe delle palline omeopatiche insieme a Rescue Remedy ma lo addormentavano un po’ troppo e quindi non gliele avevo più date perché mi sembrava troppo… ma non mi ricordo assolutamente cosa fossero.

Ovvio è che Pepe è molto geloso di me, e cerco sempre di non farmi vedere a essere troppo appiccicata a Pulce, ma volevo avere un suo consiglio e sapere cosa potrei fargli prendere.

In attesa di un vostro gentile riscontro, porgo i miei più cordiali saluti,

Risposta

Gentile Sig.ra **

Purtroppo non è infrequente che due gatti non riescano a convivere pacificamente nell’ambiente domestico. Correggere questo tipo di situazione è complesso e non sempre fattibile. Il ricorso ad un collega comportamentalista è fondamentale e quello che le consiglio è di seguire le sue istruzioni sia per quanto riguarda le correzioni ambientali che un eventuale aiuto farmacologico. Consigliare un ausilio farmacologico è possibile solo dopo una attenta ed approfondita valutazione della situazione.

L'Unica cosa che mi sentirei di suggerire se non l’ha ancora attuata è di utilizzare i diffusori di ferormoni quali feliway friends prodotto studiato specificatamente per ridurre i conflitti fra gatti. Sono dei diffusori ambientali con ricariche (tipo i diffusori di profumo o di repellenti per le zanzare). Non hanno tossicità e non diffondono odori per noi fastidiosi. In molti casi hanno buoni effetti. In altri purtroppo no. Se il problema non si risolve le consiglio di ricontattare la collega comportamentalista (se nel frattempo non siete più in contatto)

Cordiali saluti

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha