Cosa È L’epilessia Del Cane E Come Riconoscere Una Crisi Epilettica

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Cosa È L’epilessia Del Cane E Come Riconoscere Una Crisi Epilettica

Cosa È L’epilessia Del Cane E Come Riconoscere Una Crisi Epilettica

 (0)    2

  Cane Veterinario

Cosa è l’epilessia del cane e come riconoscere una crisi epilettica

Cosa È L’epilessia Del Cane E Come Riconoscere Una Crisi Epilettica

La crisi epilettica del cane

Chiamata anche epilessia canina, la crisi epilettica del cane è molto simile a quella umana e consiste sostanzialmente in una sorta di blackout del sistema nervoso centrale, in particolare quello della materia grigia del cervello. Si tratta evidentemente di uno stato anomalo temporaneo dei neuroni, in cui l’animale viene a trovarsi più o meno improvvisamente. Durante questo periodo, il cane ha un livello variabile di consapevolezza di quanto accade, in funzione dell’estensione dell’area cerebrale interessata dalla crisi. In termini più tecnici, si parla anche di attività parossistica nei neuroni, ossia una generale confusione del funzionamento delle cellule nervose.

 

Caratteri esteriori della crisi epilettica

Caratteri esteriori della crisi epilettica

Esteriormente, il cane appare in preda ad una convulsione, poiché compie movimenti involontari degli arti, della testa, ecc. L’estensione della manifestazione epilettica sul corpo dell’animale dipende dall’ampiezza e dalle regioni del cervello coinvolte. Per questa ragione, si può assistere a crisi lievi, durante le quali il cane conserva un minimo di collegamento con il mondo esterno ovvero crisi profonde, che possono interessare tutti i muscoli del corpo fino anche alla perdita di coscienza.

La prima forma di crisi epilettica è evidentemente quella più difficile da individuare, poiché può avvenire anche in un piccolo distretto del corpo dell’animale senza che il padrone abbia la possibilità di rilevare segni esteriori evidenti. Inoltre, le convulsioni derivanti dall’epilessia non possiedono caratteristiche peculiari che le rendono facilmente distinguibili dalle convulsioni di origine diversa. Da ciò ne deriva che se il cane sperimenta una volta le convulsioni, queste non devono essere esclusivamente ricondotte alla crisi epilettica.

 

Manifestazioni precedenti e successive alla crisi epilettica

Come accennato nel precedente paragrafo, la crisi epilettica del cane, come anche in campo umano, è un evento generalmente improvviso.

In alcuni casi, però, è possibile che alcuni secondi prima l’animale avverta l’imminente stato di confusione.

Si parla in questo caso di aura, ossia quell’insieme di sintomi nervosi che anticipano la crisi epilettica, ma anche una più banale emicrania.

Il comportamento del cane che avverte l’arrivo di questa sorta di "tempesta cerebrale" ha in genere caratteri tipici, rappresentati dalla manifestazione di paura, irrequietezza, ricerca del padrone, ecc. Il proprietario del cane affetto da epilessia cronica, riconosce in genere questi sintomi premonitori e può quindi agire di conseguenza per il bene dell’animale.

Dopo la crisi il cane manifesta in genere un atteggiamento classico, caratterizzato da iperattività, voracità e sete atavica. I comportamenti successivi all’attacco epilettico del cane rientrano nel quadro specialistico della sintomatologia postictale e possono aiutare il padrone a comprendere se il cane è stato colto da una crisi epilettica in sua assenza.

Manifestazioni precedenti e successive alla crisi epilettica

Cause dell’epilessia canina

Il meccanismo intimo di funzionamento dell’attacco epilettico e, soprattutto, le cause che lo scatenano sono ancora sostanzialmente sconosciute. E’ tuttavia noto che alcune patologie cerebrali o infezioni possono condurre l’animale alla crisi epilettica. In ogni caso, è importante ricordarlo, quest’ultima può non avere origini definite.

La predisposizione genetica del cane può avere una certa influenza nella probabilità che si manifestino gli attacchi, ma in genere, oltre ad una base costituzionale predisposta, occorre la compresenza di altri fattori ambientali.
Dal punto di vista cellulare, è altrettanto noto che in concomitanza di un principio epilettico alcune cellule del cervello si sincronizzano fra loro, inviandosi segnali nervosi che finiscono per coinvolgere spesso altri gruppo di cellule nervose, estendendo così l’area cerebrale interessata. È stato osservato che le prime cellule che avviano questo meccanismo sono spesso poste in prossimità di lesioni o zone del cervello in cui è in corso un processo patologico. In quest’ultimo caso, si parla anche di epilessia sintomatica, ossia provocata da una malattia nota o da un evento traumatico precedente.

Epilessia Secondaria

Qui, la crisi epilettica si comporta sostanzialmente come la febbre, poiché non costituisce di per sé una malattia ma si limita ad essere uno dei suoi sintomi (epilessia secondaria). Questo aspetto riveste una particolare importanza quando si affronta il tema della terapia dell’epilessia: di fronte a crisi epilettiche sintomatiche, il veterinario orienterà la cura verso la patologia scatenante il sintomo epilettico; diversamente, la terapia specifica contro l’epilessia si giustifica solo nei casi in cui questa non abbia un’origine nota (epilessia primaria).

 

L’epilessia primaria o idiopatica

Come descritto nel precedente paragrafo, l’epilessia primaria riguarda quella forma di crisi epilettica in cui non è noto l’agente scatenante. In medicina, quando non si conosce la precisa causa di una malattia, si usa etichettarla con il termine di idiopatica. L’esperienza ci ha confermato che la crisi epilettica primaria interessa maggiormente i cani di media e grossa taglia, di età compresa tra i 2 e 6 anni. Anche volendo indagare il cervello di questi soggetti con strumentazioni mediche sofisticate, l’esito darà sempre un risultato negativo, ossia non mostrerà alcun segno patologico evidente.

Le crisi epilettiche idiopatiche si manifestano in vari modi. In genere il primo evento compare all’interno dell’intervallo di età sopra indicato e può essere seguito da un secondo anche a distanza di molto tempo. È frequente assistere successivamente ad una regolarizzazione delle crisi e ad una riduzione del tempo intercorrente fra le stesse.

Tuttavia, è importante sottolinearlo, l’epilessia primaria non è costante nella sua evoluzione e può anche limitarsi ad un unico evento nella vita intera dell’animale.

La diagnosi dell’epilessia primaria

La diagnosi dell’epilessia primaria

Poiché la manifestazione convulsiva dell’epilessia è difficilmente distinguibile dalle convulsioni di altra origine e, inoltre, nella forma primaria manca anche la conoscenza di un potenziale fattore scatenante, la diagnosi di epilessia idiopatica risulta spesso complessa. Per accertare l’effettiva assenza di situazioni patologiche collegabili con gli attacchi epilettici, occorre infatti sottoporre l’animale a svariati esami clinici volti ad escludere l’epilessia secondaria.

Nella prassi, il veterinario può consigliare in alternativa di osservare ed annotare semplicemente l’evoluzione degli attacchi epilettici del cane per un certo periodo tempo. Qualora gli eventi di crisi seguano un andamento sostanzialmente regolare e non compaiono evidenze di altri problemi di salute, si può ragionevolmente ritenere che l’animale è affetto da epilessia idiopatica.

 (0)    2

  •  Commenti ( 2 )
Fabio
 Fabio
Gentile Sig.ra Flavy La sintomatologia che mi descrive potrebbe effettivamente essere correlata a qualche disturbo neurologico. Tuttavia potrebbe anche dipendere da allergie. L’alimentazione non è l’unica cosa che può determinare simili problemi. Per questo prima di utilizzare gli antiepilettici (che per altro possono dare problemi nel tempo) io proverei ad escludere o confermare il problema allergico facendo dei test allergici. Solo qualora il problema non fosse quello andrei a valutare un possibile disturbo neurologico facendo tutti i controlli di rito (analisi, risonanza ecc...). Visto che mi sembra insista molto con la bocca, se non è già stato fatto, controllerei anche lo stato dei denti. Cordiali saluti
Flavy
 Flavy
Buonasera, Scrivo per una veloce consulenza. Ho un barboncino toy di un anno e mezzo che da molti mesi (con peggioramento nell ultimo periodo) ha l abitudine di leccarsi le zampe,grattarsi il muso e sfregarlo a terra molto spesso e vigorosamente. Occasionalmente ha anche episodi di breve tremore della mascella. Il mio veterinario,dopo aver escluso possibili allergie alimentari,mi ha detto che è un problema neurologico e potrebbe essere un comportamento che precede l insorgere dell epilessia...quindi di curare il cane partendo con una dose bassa di antiepilettici. Io però sono perplessa...Sarà davvero così? Non c è altra possibilità o soluzione? Ringrazio anticipatamente.
Pagina:1
Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha