Adottare un gatto randagio e pericoli per il nostro gatto di casa con la FELV

06-9471293 349-1863345 - Lun e Ven 9-13 14-19 Sabato 9-13

Adottare un gatto randagio e pericoli per il nostro gatto di casa con la FELV

Adottare un gatto randagio e pericoli per il nostro gatto di casa con la FELV

 (0)    0

  Gatto Veterinario

Buongiorno, ho un gatto di quattro anni molto simpatico.
Ultimamente stiamo pensando di adottare un piccolo randagio a cui stiamo dando da mangiare, questo per far si che anche il nostro Romeo non sia da solo tutto il giorno, visto che noi andiamo a lavorare.
L'unica paura è che nonostante il micino sembri in buona salute e si faccia la classica visita veterinaria, possa essere portatore di felv, che da quello che abbiamo capito non può essere diagnosticata al di sotto dei sei mesi di vita.
Temiamo che possa essere contagiato eventualmente il nostro Romeo.
Dall'altra parte vorremmo fare un'opera buona sia per la gattina che verrebbe tolta dal magazzino dell azienda del mio fidanzato e per il nostro gatto casalingo che non starebbe più solo 9 ore al giorno.
Ci darebbe gentilmente un consiglio, i rischi di felv sono davvero così frequenti?

Grazie mille
Saluti e buona giornata



Risposta del Veterinario Dott. Fabio Aleandri

Gentile Sig.ra ***
Il rischio della FELV esiste, circa il 10 % dei gatti liberi sono infetti. Il virus viene trasmesso attraverso la saliva, le secrezioni nasali, il latte e le feci. Tuttavia il contagio non è poi così facile e il virus nell’ambiente resiste molto poco. E’ possibile eseguire un test ambulatoriale del sangue per verificare la presenza o meno del virus. Il limite è legato al fatto che circa il 60% dei gatti infetti lo è in maniera regressiva. Cioè non c’è il virus nel sangue (quindi il test viene negativo) ma è presente nelle cellule (come provirus). Questi gatti non sono contagiosi tramite le secrezioni, però l’infezione può riattivarsi e quindi possono diventare contagiosi. Per ovviare a questo problema esiste oggi la possibilità di ricercare sia il virus nel sangue, sia attraverso un esame chiamato PCR anche il provirus (quello per intenderci che si trova nelle cellule). Si tratta di una ricerca sul sangue, viene fatta solo in pochi grandi laboratori (per es. quello della Clinica San Marco di Padova), il costo non è eccessivo. Se è tutto negativo potete mettere insieme i due gatti (almeno per quanto riguarda la FELV). Chiedete al collega che vi segue se può accedere a queste analisi

Cordiali saluti

 (0)    0

Il tuo commento è stato inviato con successo. Grazie per il commento!
Lascia un commento
Captcha